rotate-mobile
Ai semafori

Zandonella aveva chiesto i “contasecondi”: «Altrimenti si vuole solo fare cassa»

Semafori e telecamere, interviene il consigliere leghista: «La proposta dei contasecondi bocciata dall’Amministrazione»

A seguito della presentazione dell'interrogazione, lo scorso 13 aprile da parte del consigliere comunale della Lega Luca Zandonella, che richiedeva l'installazione dei cosiddetti "contasecondi" sugli impianti semaforici dove sono state installate le telecamere che controllano i passaggi con il rosso, è arrivato il riscontro dell'Amministrazione comunale. «Innanzitutto - sottolinea Zandonella - mi spiace dover constatare l'estremo ritardo con cui la risposta è arrivata rispetto a quanto previsto dal regolamento comunale, che impone i 30 giorni dal giorno del deposito. Non è la prima volta che succede e, a ben due mesi dalla presentazione, è arrivato il riscontro solo dopo un personale sollecito. La risposta alla richiesta è purtroppo negativa: l'Amministrazione non installerà i "contasecondi", strumento a mio avviso molto utile perché permette a chi transita di farlo in modo tranquillo, senza il timore che scatti l'arancione con possibili frenate improvvise per timore di ricevere multe a causa del passaggio con il semaforo rosso. La motivazione addotta al diniego è quella di evitare maggiori spese: spiace constatare come l'amministrazione comunale spenda risorse pubbliche per telecamere che porteranno maggiori introiti - grazie appunto alle multe che ne deriveranno - ma allo stesso tempo non investa in strumenti che possano aiutare la circolazione e quindi la sicurezza stradale. Il dubbio che siano state quindi installate con lo scopo principale di fare cassa è purtroppo confermato. Con l'enorme avanzo di bilancio - record nella storia del Comune di Piacenza - le risorse a disposizione c'erano. La legge prevede che sia possibile installare il "contasecondi" - continua il consigliere comunale - quando l'arancione risulti inferiore ai 5 secondi, così come avviene anche a Piacenza. La presentazione di questa interrogazione ha portato almeno un piccolo risultato: come scritto nella risposta pervenuta, è stata presa la decisione di alzare i tempi del giallo semaforico da 3 a 5 secondi. Inoltre - conclude il leghista - sottolineo ai piacentini che l'amministrazione comunale, nel corso delle ultime settimane, ha deciso di installare nuove telecamere di rilevazione di passaggio con il rosso, ad esempio al semaforo di via Martiri angolo via Boselli».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zandonella aveva chiesto i “contasecondi”: «Altrimenti si vuole solo fare cassa»

IlPiacenza è in caricamento