Zone terremotate, il Comune di Piacenza manda personale in aiuto

E’ partita venerdì scorso e rientrerà a Piacenza il 18 novembre, dopo una settimana di trasferta, la nuova squadra di dipendenti comunali che ha dato la propria disponibilità a prestare servizio nelle zone colpite dal terremoto

E’ partita venerdì scorso e rientrerà a Piacenza il 18 novembre, dopo una settimana di trasferta, la nuova squadra di dipendenti comunali che ha dato la propria disponibilità a prestare servizio nelle zone colpite dal terremoto. Il geologo Roberto Santacroce, il referente informatico della Polizia Municipale Luca Defacqz e Aldo Pasinelli, già responsabile dei servizi informativi dell’ente, stanno fornendo assistenza al Centro operativo comunale di Caldarola, in provincia di Macerata. 

“L’affiancamento ai Coc – spiega il comandante Stefano Poma – è una delle aree di intervento per le quali è richiesto, alle municipalità di tutta Italia, l’invio di personale a supporto delle amministrazioni e degli enti locali nei territori colpiti dal sisma. Nelle scorse settimane, l’architetto Luigi Botteschi dell’Ufficio di Protezione Civile e l’ingegner Giovanni Carini, dirigente del servizio Infrastrutture e Lavori Pubblici, hanno operato come tecnici valutatori dell’agibilità degli edifici a Montegallo, in provincia di Ascoli, mentre in dicembre è prevista la partenza di una terza missione, con una pattuglia della nostra Polizia Municipale, a sostegno dei colleghi per le attività di sicurezza e controllo del territorio”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento