I probiotici aiutano il sistema immunitario nel prevenire la comparsa e lo sviluppo di varie malattie ”moderne”

Esiste una stretta correlazione tra benessere psicofisico e buona funzionalità dell'intestino. Il microbiota intestinale umano contiene circa 100 trilioni di microrganismi: batteri, funghi, archeobatteri, protozoi e virus

Esiste una stretta correlazione tra benessere psicofisico e buona funzionalità dell'intestino. Il microbiota intestinale umano contiene circa 100 trilioni di microrganismi: batteri, funghi, archeobatteri, protozoi e virus. Nell’individuo che vuole mantenersi sano, devono prevalere i batteri utili, che rappresentano i fattori regolatori dello stato di salute. Producono, infatti, sostanze quali vitamine del complesso B, vitamina K e acidi organici, come l’acido acetico, propionico,  butirrico ecc.), che esercitano azioni nutrienti locali e sistemiche  ed inibiscono  l’impianto e la crescita dei batteri patogeni che, attraverso la produzione  di tossine e carcinogeni, mettono  in pericolo la salute dell’ospite. Esistono molti fattori locali e generali che possono alterare l’equilibrio ecologico batterico intestinale: gli interventi chirurgici sullo stomaco e sull’intestino, le neoplasie, le radiazioni ionizzanti, le terapie antibiotiche prolungate, lo stress, l’invecchiamento, i disordini immunitari, le turbe della peristalsi ecc..

Per preservare il ricco patrimonio del microbiota intestinale, la ricerca ha individuato i probiotici (“pro”  (per) e “bios”(vita)); si tratta di microrganismi che reintegrano quanto eliminato per cause varie e svolgono effetti positivi sulla salute, migliorando la crescita e  il riequilibrio microbiotico  gastrointestinale. In tutti gli individui sono presenti: Bacteroidetes, Dorea/Eubacterium/ Ruminococcus, come pure Bifidobacteria, Proteobacteria, Streptococchi e Lactobacilli.  Tra i batteri, la maggioranza è anaerobia, quindi, molti sopravvivono in assenza di ossigeno e il batterio intestinale più conosciuto nell'uomo è l'Escherichia coli. L'insieme dei geni dei batteri viene definito microbioma e quello intestinale  consiste di circa 10 milioni di geni che eccedono  di più di 400  volte  la dimensione del genoma umano di 23.000 geni circa. L'80% dei batteri provoca la fermentazione, come Lactobacilli e Bifidobacteria ed il restante 20% provoca la putrefazione  dei resti, come Escherichia, Bacteroides, Eubacteria, Clostridium.

Sotto forma di “probiotici”, ci sono oggi in commercio, molte preparazioni alimentari (latti fermentati, yogurt) e farmaceutiche (capsule e fiale). Nel 2008 negli Stati Uniti ed in Europa fu avviato il Progetto Microbioma Umano (HMP Human Microbiome  Project), per studiare  come questi  microrganismi coesistano con l'uomo. In questo modo è stato possibile comprendere quali siano le capacità metaboliche dei batteri e le interazioni tra batteri e organismi pluricellulari.

Il microbiota, all'interno dell'intestino, aiuta a regolare la risposta immuno-sistemica in loco e influenza dall'età infantile lo sviluppo e la reattività del tessuto linfoide associato (GALT). Il microbiota intestinale, sterile alla  nascita,  si stabilisce, nelle prime 8 ore di vita,  sulle mucose del tubo digerente; concorrono alla sua costituzione  circa 500 specie batteriche.

L’ecosistema batterico intestinale, una volta costituito è stabile, si autoregola e solo in determinate circostanze può subire l’invasione di germi estranei e patogeni. L’uso degli antibiotici, alcuni più di altri, modifica profondamente il numero e i tipi di batteri intestinali, anche per lunghi periodi dopo la sospensione del farmaco.

Con il passare del tempo, la composizione del microbiota attraversa cambiamenti significativi e molti studi mettono in evidenza  che   l'alimentazione e l'età sono gli elementi di maggiore influenza. A causa di una  insufficiente quantità di fibra  nei cibi o dell'età, i batteri probiotici  possono scomparire totalmente e questo  può  portare alla crescita di elementi patogeni e tossine. Le proprietà benefiche dei probiotici sono diverse: aiutano nei casi di stipsi e diarrea, aumentano e rinforzano le difese immunitarie, abbassano i livelli di colesterolo nel sangue (in quanto diminuisce l'assorbimento a livello intestinale), attenuano i sintomi legati al reflusso gastro-esofageo, aiutano a contrastare alcune patologie infiammatorie intestinali (coliti, diverticoli), sono utili nel combattere   infezioni, come: candida e  herpes genitali e favoriscono l'assorbimento di calcio e di altri minerali.

I prebiotici, invece, sono tutte quelle sostanze usate nell’alimentazione che hanno un importante ruolo nel favorire lo sviluppo di batteri utili. Sono contenuti, ad esempio, nei cibi ricchi di fibre e contribuiscono al mantenimento del benessere generale dell'organismo.                

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al fisco 5mila euro e lavoratori in nero ma in casa un tesoro da mezzo milione: ristoratori indagati

  • Piacenza e l'Emilia-Romagna in zona arancione: quello che c'è da sapere

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Irenfutura, 13 posizione aperte in Emilia per lavorare con Iren

Torna su
IlPiacenza è in caricamento