L’innovazione sta modificando il lavoro negli studi dentistici. All’orizzonte la cura della bocca affidata alla tecnologia robotizzata

Ortodonzia 4D, scanner intraorali, stampanti 3D, sono solo alcune delle innovazioni tecnologiche che stanno trasformando il mondo dell’odontoiatria, con interventi meno invasivi e maggiore affidabilità. Le nuove tecnologie puntano sulla realizzazione di apparecchi ai denti sempre più invisibili, realizzati con materiali innovativi, che apportano evidenti miglioramenti alla qualità della vita e alle relazioni sociali.  È stato questo il tema del periodico appuntamento mensile tenuto al circolo “Maria Luigia” di Pittolo. Ad analizzarlo nei dettagli il dottor Francesco Antonicelli che ha evidenziato come il lavoro del dentista sia in rapida evoluzione, per esempio: per prendere le impronte delle arcate dentali o dei singoli elementi non si usa più la fastidiosa pasta stesa sull’arcata dentale del paziente, provocando fastidio e in alcuni casi vomito; ora l’operazione è sostituita in maniera precisa e affidabile da radiografia con lo scanner. Tra le ultime novità anche speciali occhiali professionali che permettono una visione di dettaglio ingrandita fino a dieci volte.  In un prossimo futuro potrà essere possibile eseguire piccoli interventi affidati a una punta mossa da un robot collegato a un computer.  Un insieme di novità che consentono maggiore rapidità d’intervento, alta precisione e personalizzazione delle cure.

Nella foto la consegna di una targa di riconoscenza da parte del presidente del Circolo Antonio Chitussi al dottor Antonicelli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Piacenza e l'Emilia-Romagna in zona arancione: quello che c'è da sapere

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

Torna su
IlPiacenza è in caricamento