rotate-mobile
social

Giornata mondiale dei calzini spaiati, insieme contro le diversità

L'undicesima edizione lancia un messaggio inclusivo di rispetto reciproco, solidarietà e accettazione degli altri

Il 2 febbraio è la giornata mondiale dei calzini spaiati. Alzi la mano chi non ha nei cassetti, in ordine asperso, una serie di calze e calzini senza il gemello. La cosa è tipica soprattutto nelle famiglie con bambini: all'aumentare del numero dei membri della famiglia, aumenta anche il numero dei calzini presenti in circolazione e inevitabilmente qualcuno si perde nei passaggi fra la cesta della biancheria, la lavatrice, l'asciugatrice e i panni puliti da piegare. Alla fine, ci si ritrova con montagne di calzini diversi e spaiati e cosa c'è di meglio da fare se non indossarli così?

Il senso della giornata

La giornata dei calzini spaiati è nata da un'idea di una maestra friulana, ormai più di dieci anni fa: oggi il suo significato è l'accettazione della diversità. Infatti, oltre alla simpatia di convididere un "problemino" che capita in tutte le case, indossare oggi (e ovviamente fotografare e postare sui social) due calzini diversi ha anche un significato sociale: vuole spronare al rispetto reciproco verso chi è diverso da sé. Diversità come valore e come superamento della solitudine: a maggior ragione ora che imperversa la pandemia, la giornata dei calzini spaiati è un modo per non sentirsi esclusi e lontani.

Indossare un calzino spaiato può allora essere un rimedio all'isolamento, quella sensazione di smarrimento che potrebbe - per assurdo - provare un calzino che ha smarrito il suo gemello. E allora forza, tutti a indossare i nostri calzini diversi, poi foto e via sui social, rigorosamente con l'hastag #calzinispaiati2024.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giornata mondiale dei calzini spaiati, insieme contro le diversità

IlPiacenza è in caricamento