menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

Per motivi burocratici, e di buon senso, viene posto un limite alla libertà di scelta dei genitori per i nomi dei piccoli

Siete alla ricerca di nomi per i vostri figli? Un po' di originalità è sempre ben accetta, ma attenzione perchè la legge in Italia pone dei limiti. Vediamo quali.

Vietato usare il nome di genitori e fratelli

Per motivi di praticità, è vietato chiamarsi come un altro membro della famiglia. Questo, infatti, potrebbe provocare problemi sul piano burocratico.

Al bando i nomi ridicoli

Per legge, non è consentito utilizzare nomi inerenti a difetti fisici o psicologici che potrebbero suscitare ilarità.

Vietati alcuni nomi provenienti dalla letteratura

Per prevenire casi imbarazzanti, è vietato dare ai propri figli i nomi di certi personaggi della letteratura, come ad esempio Biancaneve o Dracula.

Stop al nome di personaggi storici controversi

Pensate a quanto sarebbe imbarazzante chiamare il proprio figlio, ad esempio, Adolf Hitler. Ebbene, per prevenire situazioni del genere, la legge ha vietato l'uso di nome di alcuni personaggi storici controversi.

No a nomi non consoni al genere del nascituro

Un maschio non può essere chiamato con un nome femminile e, viceversa, una femmina non può essere chiamata con un nome maschile, eccezion fatta per alcuni casi (come, ad esempio, Andrea).

Vietati nomi inventati

Alla fantasia individuale viene posto un freno dalla legge: in caso di nome particolarmente originale, viene chiesto ai genitori da dove questo tragga ispirazione.

Limite massimo di tre

In passato, non era inusuale per una persona avere molti nomi. Per questioni burocratiche, tuttavia, si è deciso di fissare a tre i nomi possibili che può avere una singola persona.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento