Overthinking: perché pensare troppo fa male

Quando la mente inizia a pensare ossessivamente a qualcosa: è proprio questo l’overthinking, un termine inglese con un significato ben preciso. Scopriamolo

Spesso si sostiene che avere un cervello in perenne movimento sia un fattore positivo, soprattutto quando ci si trova sul posto di lavoro o in determinate situazioni. Attenzione però, perchè potrebbe anche accadere di iniziare a praticare inconsapevolmente un’attività estremamente pericolosa per il nostro benessere emotivo: stiamo parlando dell’overthinking. Scopriamo nel dettaglio di cosa si tratta.

Cos'è l'overthinking

La mente inizia a pensare ossessivamente a qualcosa, fino a diventare un vero e proprio problema. E' proprio questo l’overthinking, un termine inglese con un significato ben preciso: pensare continuamente, intensamente e senza sosta, senza però arrivare mai ad una conclusione.

I rischi

Con il continuare a rimuginare sempre sullo stesso "problema" senza mai arrivare ad una soluzione, lo stress aumenta e insieme ad esso anche le sensazioni d’ansia e di rabbia. L’overthinking, in ambito psicologico, infatti, viene considerato un problema che può provocare diversi danni.

Il primo è l’aumento del rischio di depressione e sintomi di ansia, soprattutto quando questo meccanismo entra in gioco dopo eventi di vita stressanti. Non tutti reagiscono in maniera dannosa allo stress ma, chi usa questo meccanismo ha una maggiore probabilità di mettere a rischio la propria salute mentale.

L'overthinking potrebbe causare anche disturbi di alimentazione incontrollata e altri comportamenti autodistruttivi.

Inoltre, rovina anche il sonno, l'overthinking causa insonnia e non permette di riposare serenamente con conseguenti effetti negativi sulla giornata seguente, come la stanchezza.

Rimedi

In poche parole, più si pensa e più aumenta la confusione. A sua volta la confusione può generare dubbi e insicurezze, ed è così che ci si sente insoddisfatti della propria vita. Un circolo vizioso, insomma, dove ci si sente bloccati e sovrastati dai problemi e dalle difficoltà, dove si pensa di non potercela fare ma non si agisce per cambiare concretamente questa brutta sensazione. In questo caso, sembra banale ma, cercare di non pensare è la soluzione. Fermare la mente di certo non è una cosa semplice, ma almeno una cosa possiamo imparare a farla: non soffermiamoci solo al pensiero, trasformiamo in azioni i nostri progetti, rischiamo di più, guardiamo il mondo con positività e prendiamo maggiore consapevolezza di noi stessi, in questo caso la meditazione potrebbe essere un buon rimedio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco fradicio porta il coniuge trans a prostituirsi: «Arrotondiamo il bilancio familiare», denunciati

  • «Sto andando a medicare un mio amico perché è stato morso da uno squalo»: denunciato

  • Coronavirus, la curva rallenta ma ci sono ancora 25 morti: in tutto 447 da inizio epidemia

  • La situazione nei comuni piacentini aggiornata al 24 marzo

  • La situazione nei comuni del Piacentino aggiornata al 25 marzo

  • Stop attività produttive non essenziali e assembramenti con più di due persone: nuova ordinanza antivirus a Piacenza

Torna su
IlPiacenza è in caricamento