Progetti verdi? L’Europa ha dei fondi per voi…

Fino al 29 novembre c'è tempo per fare richiesta di finanziamenti europei per progetti di qualificazione energetico-ambientale e sviluppo sostenibile

di rishon-lezion

L’Europa strizza l’occhio al verde: riaprono i termini del Fondo rotativo di finanza agevolata per la green economy. In tempi di crisi dilagante è una notizia che fa drizzare le orecchie: si tratta di un Fondo Energia che finanzia con risorse europee provenienti dal programma Fesr della Regione Emilia-Romagna i progetti di qualificazione energetico-ambientale e sviluppo sostenibile.

Con un plafond iniziale di 23,7 milioni di euro, Il fondo ha l’obiettivo di incrementare l'efficienza energetica nelle imprese, favorire lo sviluppo di fonti rinnovabili e la realizzazione di impianti tecnologici che consentano la riduzione dei consumi energetici da fonti tradizionali. I finanziamenti sono rivolti a piccole e medie imprese operanti nei settori di industria, artigianato e servizi alla persona aventi localizzazione produttiva nella nostra regione e le domande possono essere presentate sull’apposito sito (https://www.fondoenergia.eu/) fino a venerdì 29 novembre alle ore 17.

L'obiettivo generale del Programma operativo regionale del Fondo europeo di sviluppo regionale 2007-2013 è quello di collocare stabilmente l'Emilia-Romagna nel contesto delle regioni europee d'eccellenza in termini di dinamismo socioeconomico, capacità d'innovazione e qualità dello sviluppo. Il tutto con un erogazione complessiva di risorse pari a 347 milioni di euro.
Sulla prima scadenza sono stati presentati 59 progetti ed i territori che ne hanno espressi il maggior numero sono Bologna (17), Ravenna (12) e Reggio Emilia (10).

Elenchiamo nel dettaglio la classificazione delle attività economiche (ATECO 2007) nelle quali le imprese devono operare per poter concorrere a richiedere il fondo:
•SEZIONE B “Estrazione di minerali da cave e torbiere”, tutta la sezione;
 •SEZIONE C “Attività manifatturiere”, tutta la sezione;
 •SEZIONE D “Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata, tutta la sezione;
 •SEZIONE E “Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento”;
 •SEZIONE F “Costruzioni”;
 •SEZIONE G “commercio all’ingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli e motocicli”, limitatamente al gruppo 45.2 “Manutenzione e riparazione di autoveicoli” e alla categoria 45.40.3 “Manutenzione e riparazione di motocicli e ciclomotori (inclusi i pneumatici);
 •SEZIONE H “Trasporto e magazzinaggio”;
 •SEZIONE I “Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione”, limitatamente alle categorie 56.10.2 “Ristorazione senza somministrazione con preparazione di cibi da asporto”, 56.10.3 “Gelaterie e pasticcerie”;
 •SEZIONE J “Servizi di informazione e comunicazione”;
 •SEZIONE L “Attività immobiliari”;
 •SEZIONE M “Attività professionali, scientifiche e tecniche”;
 •SEZIONE N “Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese”;
 •SEZIONE P “Istruzione”;
 •SEZIONE Q “Sanità e assistenza sociale”;
 •SEZIONE R “Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento”;
 •SEZIONE S “Altre attività di servizi”.


 

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
IlPiacenza è in caricamento