rotate-mobile
Altro

Baseball, Mark Cardillo e Matteo Bocchi istruttori d'eccezione

Il De Benedetti ha ospitato il camp internazionale rivolto al settore giovanile

Non è la prima volta che il De Benedetti ospita camp internazionali rivolti al settore giovanile. Dopo quelli targati USSSA, tenuti dalla leggenda Michael Tucker nel 2015 e dalla coppia Relaford/Spivey nel 2016, e quello con l'interbase dei Florida Marlins Miguel Rojas nell'ottobre scorso, stamattina l'elenco delle occasioni si è arricchito di un ulteriore evento grazie alla collaborazione con l'IABF Italian American Baseball Foundation. L'organizzazione italo-americana si prefigge di promuovere il vecchio gioco in Italia e rafforzarne i rapporti con quello d'oltreoceano. Negli anni l'IABF ha valorizzato diversi talenti italiani, anche attraverso borse di studio, e supportato le rappresentative azzurre di un pò tutte le categorie. Stavolta la presenza dell'organizzazione si è fisicamente proposta nel nostro Paese facendo tappa anche a Piacenza. A goderne gli atleti di di Piacenza e Brescia, che quest'anno hanno stretto un patto di collaborazione a livello giovanile con l'allestimento di squadre miste che stanno ottenendo tra l'altro ottimi risultati in campionato. Tornando al camp va rimarcata la presenza, come figure di riferimento, del tecnico Mark Cardillo e del lanciatore Matteo Bocchi. Quest'ultimo è tutt'ora in attività in Serie A nel ParmaClima dopo 6 anni trascorsi negli Stati Uniti, dai campionati universitari fino a livello professionistico di triplo AAA con l'organizzazione dei Chicago Cubs. Per lui anche 12 presenze azzurre, compreso il World Classic della scorsa primavera. Stelle di prima grandezza che per circa tre ore hanno lavorato a beneficio delle promesse biancorosse e bresciane. In questo tour in Italia dell'IABF non potevano mancare i vertici dell'organizzazione a partire dal presidente Joe Quagliano, dal suo vice Carmine Gangone e dal direttore Chris Vaccaro. L'ospitalità piacentina si è completata con un buffet nella club-house, a base di prodotti tipici del nostro territorio, nel corso del quale si sono gettate le basi per un ulteriore sviluppo della collaborazione tra Italian American Baseball Foundation, Piacenza e Brescia.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Baseball, Mark Cardillo e Matteo Bocchi istruttori d'eccezione

IlPiacenza è in caricamento