Calcio, ancora una sconfitta per Fiorenzuola: 1 - 3 al Comunale

È la quinta nelle ultime sette partite. Il San Donato, penultimo in classifica e senza vittorie da sette gare, rifila tre gol ai fiorenzuolani, incapaci raddrizzare l'iniziale svantaggio

Repertorio

E’ notte fonda al Comunale, con i rossoneri che incassano la quinta sconfitta nelle ultime sette partite. Il San Donato, penultimo in classifica e senza vittorie da sette gare, rifila tre gol ai fiorenzuolani, incapaci raddrizzare l’iniziale svantaggio, a corto di idee nella costruzione del gioco e poco incisivi negli ultimi 25 metri.

Con Guglieri e Koliatko infortunati, Pessagno squalificato e Petrelli convalescente, Mister Salmi schiera in partenza Vagge in porta; Scarpato, Pizza, Bagaglini e Contini a formare la linea difensiva; Bouhali, Arati e Lari a centrocampo; Storchi, Mezgour e Napoli in avanti. Il San Donato risponde con quattro difensori, quattro centrocampisti e due attaccanti. 
Il Fiorenzuola parte subito forte ed aggressivo, dopo un minuto di gioco Napoli arriva al tiro da buona posizione, ma Valoriani si oppone d’esperienza. Poi la punizione di Mezgour si spegne sul fondo. Dopo i primi 20 minuti di dominio rossonero, il San Donato su calcio d’angolo trova il gol su colpo di testa di Vecchiarelli, ma il direttore di gara annulla per fuorigioco. E’ preludio al vantaggio ospite, al 24’ Carnevale è più veloce di tutti a trovare la deviazione vincente che trafigge l’incolpevole Vagge, 0-1. Il Fiorenzuola si getta in avanti alla ricerca del pari, ma il San Donato è bravo a difendersi e chiudere tutti gli spazi. La fase offensiva fiorenzuolana risulta troppo macchinosa e prevedibile, con gli attaccanti che non riescono a rendersi mai pericolosi dalle parti di Valoriani. Si arriva così al riposo, con Salmi che viene espulso per proteste.

Nella ripresa ci si aspetta la reazione del Fiorenzuola, che getta nella mischia Pezzi e Fany per Mezgour e Storchi, che restano nello spogliatoio. Ed invece è il San Donato a raddoppiare, con Cicino che crossa in area dalla destra per Frosali, che anticipa tutti e di tacco la mette in rete, 0-2. I rossoneri potrebbero trovare subito il gol per riaprire l’incontro: il tiro di Napoli di stampa sulla traversa e Pezzi sulla ribattuta a porta vuota sbaglia. Salmi approfitta dell’ultimo cambio a disposizione inserendo Botchway per Contini, ma l’inerzia della partita non cambia: Fiorenzuola in avanti con poche idee e San Donato chiuso in difesa, pronto a sfruttare le ripartenze. E proprio al 69’ i toscani mettono il sigillo all’incontro con Mitra, che finalizza un’azione di contropiede, 0-3. Il gol della bandiera per Arati e compagni arriva al 73’: Pezzi si procura e trasforma un calcio di rigore, che rende meno pesante il passivo, 1-3.
Al triplice fischio dell’arbitro, il Fiorenzuola sprofonda in classifica e del buon gioco ammirato ad inizio stagione non resta che un lontano ricordo.

IL TABELLINO - Fiorenzuola: Vagge, Scarpato, Pizza, Bagaglini, Contini (13’ st Bothway), Bouhali, Arati, Lari, Storchi (1’ st Pezzi), Mezgour (1’ st Fany), Napoli. Panchina: Ballerini, Galli, Reggiani, Buffagni, Masseroni, Petrelli. All. Salmi

San Donato Tavarnelle: Valoriani, Vecchiarelli (2’ st Gagliardini), Collacchioni, Rehajaj, Frosali, Rustici (13’ st Lotti), Ceccatelli, Galbiati, Mitra, Carnevale (34’ st Cubillos), Cicino. Panchina: Milanesi, Saitta, Ghelardoni, Nuti, Pecchioli, Lumachi. All. Fusci

Arbitro: Virgilio di Trapani (Castioni-Guarino)
Ammoniti Frosali (SDT), Bouhali (F), Napoli (F), Pezzi (F).

Espulso il tecnico del Fiorenzuola Salmi per proteste.
 
Reti: 24’ pt Carnevale (SDT), 2’ st Frosali (SDT), 24’ st Mitra (SDT), 29’ st rig. Pezzi (F)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento