Basket femminile, ricominciata la stagione del Valdarda di Fiorenzuola

La squadra che disputerà il campionato under 18, infatti, avrà nelle proprie fila ben 11 ragazze di Cremona, così come cremonese è lo staff tecnico (coach Mario Antoniazzi, Giulia Cigoli vice allenatrice e Roberta Pagetti assistente)

Nelle foto la squadra di basket femminile

E' ricominciata in settembre con allenamenti al Palabosco e a Castelvetro la stagione 2016-17 del Valdarda di Fiorenzuola, società di basket femminile che milita nel campionato di serie B e che nel proprio settore giovanile annovera una vera e propria succursale cremonese.

La squadra che disputerà il campionato under 18, infatti, avrà nelle proprie fila ben 11 ragazze di Cremona, così come cremonese è lo staff tecnico (coach Mario Antoniazzi, Giulia Cigoli vice allenatrice e Roberta Pagetti assistente).

Una collaborazione, quella del gruppo cremonese con il sodalizio di Fiorenzuola, nata all'inizio della scorsa stagione come primo passo di un percorso volto a colmare una lacuna che dura da tempo nel panorama sportivo del nostro territorio: dare continuità al basket femminile a Cremona, priva ormai da anni di una propria rappresentativa.

“E' un progetto nel quale crediamo molto” dice Romano Tribi, da una vita nel basket femminile cremonese e piacentino e Presidente del Valdarda, “d'altronde nella nostra prima squadra in serie B hanno spesso giocato ragazze cremonesi (attualmente Sara Bertoni, Bianca Rizzi e Giulia Bona) e siamo fiduciosi di inserirne presto altre proprio dalla squadra under 18”.

“Nella stagione scorsa” aggiunge coach Mario Antoniazzi (“Carlao” per gli addetti ai lavori del basket locale) “abbiamo lavorato per rendere il più possibile omogeneo il gruppo, che comprendeva sia ragazze con una certa esperienza cestistica, provenienti dalla Sansebasket, sia altre ancora da formare. Il campionato under 16 che abbiamo disputato ha rispecchiato questa situazione, con un girone di ritorno in netta crescita rispetto a quello di andata”.

“Sono ragazze entusiaste e desiderose di continuare a migliorarsi e questo per un allenatore è molto stimolante” continua Antoniazzi “per questo abbiamo cercato di mantenere intatto il gruppo della stagione scorsa, nella convinzione che i progressi individuali e di squadra continueranno”.

A riprova di questo entusiasmo, un'esperienza particolare in avvio di stagione: un breve ritiro di tre giorni dal 9 all'11 settembre a Baselga di Pinè, in Trentino, dove in totale autogestione (con la collaborazione di qualche genitore) la squadra si è allenata e ha “fatto gruppo” con l'obiettivo di gettare le basi di un'annata fruttuosa sia dal punto di vista sportivo che umano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento