Sabato, 13 Luglio 2024
Basket

Assigeco, gara 5 a Scafati è un appuntamento con la storia

Mai così in alto prima d'ora, domani sera i rossoblù si giocano l'accesso alla finale promozione per la serie A

L'Assigeco Piacenza è a 24 ore dalla possibilità di alimentare il sogno playoff. Al PalaMangano si disputerà l'ultimo atto della semifinale che potrebbe proiettare i rossoblù così in alto come non mai nella loro storia. Ma pur forti delle proprie convinzioni, consolidate con le due partite vinte davanti al pubblico amico del PalaBanca, è bene che gli uomini di coach Stefano Salieri mantengano i piedi saldi per terra senza perdere un minimo di concentrazione. Di fronte c'è pur sempre Scafati che ha vinto il girone rosso dell'A2, e che è imbattuta in casa dai playoff di un anno fa. Una squadra che ha riconosciuto all'Assigeco la qualità di non aver mollato mai, come dichiaratio dall'avversario Diego Monaldi.

"C'è uno spirito speciale che anima questo gruppo di ragazzi straordinario capace di andare oltre assenze, fatica e infortuni. A Scafati - ha detto il tecnico piacentino - andiamo con in testa l'idea di non fermarci, di giocare una grande partita, di vincere. Troveremo un ambiente caldissimo, pieno di passione e tifo. Saremo come gladiatori nell'arena ma siamo pronti. E' la semifinale per la serie A. Sarà una durissima lotta, una sfida eccitante e bellissima come merita il livello dei protagonisti, dalle squadre agli arbitri. Da parte nostra serviranno attenzione nei particolari e reggere forte a rimbalzo. In campo profilo basso, convinzione, serenità - ha chiuso Salieri - e la gioia di giocare una partita così".

Una stagione in crescendo, facendo valere la sua esperienza e arrivando al momento clou del campionato da protagonista. L'allenatore lo ha così esaltato dopo gara tre, e Davide Pascolo pur non dimostrandolo con i numeri si sta dimostrando un ago della bilancia fondamentale. Come dimenticare la stoppata rifilata a Daniel nel rush finale di gara quattro, ad esempio. "Gara cinque, per entrambe le formazioni, è un appuntamento importante da affrontare con grande carica e voglia di fare bene - ha detto l'ex azzurro -. Dobbiamo essere bravi a canalizzare questi fattori nel modo giusto trasformandoli in energia positiva da mettere sul parquet, così da essere efficaci durante la partita. Da parte nostra c’è grande determinazione. Sappiamo bene quanto è difficile ma ci crediamo e vogliamo giocarcela fino in fondo. Il controllo del ritmo può essere il fattore chiave, come si è visto nel corso di questa serie, anche nell’ambito della stessa partita. Le quattro gare giocate sono state caratterizzate da diversi break, propiziati da palle rubate o, in generale, dalla difesa aggressiva. Il ritmo di gioco può - ha concluso Pascolo - essere un aspetto decisivo".

Anche per la gara decisiva per accedere alla finale promozione il capitano Luca Cesana rimane nella lista degli infortunati, e dunque non giocherà. Lo staff medico dell'Assigeco deve continuare a valutare molto attentamente la situazione fisica di Lorenzo Galmarini per un problema al tendine d’Achille, e di Lorenzo Querci che invece soffre un fastidio all'adduttore, usciti entrambi per infortunio in gara quattro.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assigeco, gara 5 a Scafati è un appuntamento con la storia
IlPiacenza è in caricamento