rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Basket

Una Bakery un po' pasticciona spreca il primo match point

Senigallia è più incisiva sul parquet amico e accorcia la serie sul 2-1: domenica gara 4

PALL. SENIGALLIA 73

BAKERY PIACENZA 69

PARZIALI: 18-11; 36-30; 57-51.

SENIGALLIA: Pozzetti 6, Santucci 22, Giannini 5, Lemmi 9, Gaicomini 18, Marini n.e., Cerruti n.e., Neri, Musci 13, Ciacci n.e., Valle. All. Filippetti.

PIACENZA: Berra 7, Venuto 8, Angelucci 12, Passoni 9, Korsunov 9, Ringressi n.e., Carone n.e., Balestra n.e., Coltro 4, El Agbani 2, Cecchetti 14, Basso 4. All. Del Re.

Gara 3 al palasport di Senigallia conta tanto per la Bakery Piacenza, che con una vittoria può chiudere i giochi di questa serie e conservare la categoria della serie B. Le due partite precedenti sono state equilibrate, così come il primo quarto di questa sfida. I padroni di casa hanno tentato l'allungo sul 16-10, e neppure il fallo tecnico ravvisatogli dagli arbitri hanno permesso agli ospiti di ricucire lo svantaggio al termine della prima frazione. Korsunov mette a segno 5 punti per inaugurare il secondo periodo, permettendo alla Bakery di rientrare sul 20-18. Punteggio che preoccupa Senigallia che ricorre al timeout al 13'. I locali provano di nuovo a premere sull'acceleratore, ma un nuovo tecnico permette ai piacentini di impattare a quota 23 grazie a due bei movimenti sotto canestro di capitan Cecchetti. L'incontro si accende, alla panchina di casa viene fischiato il terzo tecnico della serata, ma questa volta Senigallia reagisce bene e torna a condurre sul +3. L'inerzia continua a cambiare, gli avversari sfruttano un paio di palloni persi da parte degli uomini di coach Del Re per portarsi sul 32-26 al 18'. Parziale che costringe la panchina ospite a fermare il gioco con un minuto di sospensione. Il quarto si conclude con il tiro sulla sirena di Senigallia, che premia il finale giocato con maggior grinta da parte dei padroni di casa.

Secondo tempo

Alla ripresa delle ostilità sono ancora i locali ad avere un approccio migliore, raggiungendo il primo vantaggio in doppia cifra sul 44-34. La panchina di Piacenza è così costretta a cercare di ribaltare la situazione con un timeout, ma nonostante ciò lo svantaggio tocca le 12 lunghezze. Una palla persa di Senigallia porta al fischio di un fallo antisportivo per bloccare un facile contropiede. Ma la compagine di casa non si scompone e allo scollinamento di metà frazione resta saldamente al comando sul 52-42. La Bakery, ormai schierata con la difesa a zona, ha una situazione falli anche preoccupante. Una tripla a gioco rotto di Passoni e due penetrazioni di Berra sospingono Piacenza, che però al 28' è ancora sotto di 8 punti. Gli ultimi seicento secondi iniziano con i locali che mandano a bersaglio la tripla del +9, immediatamente replicata da Venuto che poi segna sempre dall'arco addirittura il -1. Sembra che gli uomini di coach Del Re possano mettere la freccia, ma gli avversari reagiscono ancora una volta molto bene. Nonostante Angelucci, la Bakery gestisce male alcuni possessi e Senigallia entra negli ultimi 2' di gioco con 4 punti di vantaggio (67-63). Piacenza spreca un paio di possessi per pareggiare addirittura. A 12" dal termine Korsunov segna di tabella la tripla che vale il -1. L'antisportivo a Venuto complica però la rimonta dei biancorossi, che precipitano di nuovo a -4 con 4" sul cronometro. Dopo il timeout non va la conclusione di Angelucci, e così Senigallia accorcia la serie sul 2-1 e domenica si tornerà a giocare per gara 4.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una Bakery un po' pasticciona spreca il primo match point

IlPiacenza è in caricamento