Beffa allo scadere per il Carpaneto: Castelvetro passa al 91' (1-2)

Immeritato ko per i ragazzi di Ciceri, in vantaggio 1-0 con Alberici poi raggiunti da Giuseppe Cozzolino e infine superati in recupero dalla rete di Vernia, già a segno all'andata

Una beffa allo scadere, purtroppo già successa diverse volte in questa stagione ma in questo caso quanto mai immeritata. Nonostante una prova di carattere e di intensità, la Vigor Carpaneto 1922 cede in pieno recupero alla capolista Castelvetro, che viola il "San Lazzaro" (1-2) nell'anticipo del recupero della nona giornata di ritorno di Eccellenza, originariamente rimandata per maltempo. Contro un avversario di grande spessore, la squadra di Ciceri ha duellato a viso aperto, non sfigurando anzi reggendo bene l'urto e riuscendo anche incanalare il match su binari positivi. In vantaggio al 43' con Alberici dopo una traversa ospite, nella ripresa la Vigor è stata raggiunta al 69' dalla rete di bomber Giuseppe Cozzolino. Nei dieci minuti finali, due episodi spartiacque per l'esito dell'incontro: il Carpaneto non sfrutta all'80' una grande palla gol con Delporto e allo scadere viene beffato da Vernia su punizione, conseguente al fallo (ed espulsione) di Alberici su un avversario involato a rete. Peccato, dunque, per i biancazzurri, che sotto il profilo del gioco non meritavano di perdere, anzi hanno dimostrato a più occasioni anche di poter ambire al bottino pieno. Piacentini bravi a resistere anche alla sfortuna, che ha falcidiato il cuore della difesa: già out Lovattini, in extremis pure Giorgi non ce la fatta, con Fumasoli abbassato in retroguardia, ma costretto a uscire prima dell'ultima mezz'ora di gioco. 
Dopo lo 0-0 con la Fidentina è arrivato questo passo falso contro la capolista, il tutto in un trittico di fuoco che si completerà domenica alle 14,30 a Rolo.
LA PARTITA - Oltre agli infortunati Lovattini e Pignatiello e lo squalificato Franchi, la Vigor deve fare i conti in extremis con i problemi fisici di Giorgi, invertito all'ultimo in distinta con Compiani, originariamente in panchina. Così, la coppia difensiva centrale del Carpaneto è formata da Alberici e da Fumasoli, con Ciceri che cambia modulo e gioca con il 4-2-3-1. La retroguardia è completata da Strozzi a destra e da Barba a sinistra, mentre il duo di mediana è composto da Pessagno e Compiani. Il giovane Villani (classe 1997) è il trequartista, affiancato a sinistra da Lucci e a destra da Minasola, con Delporto nelle vesti di centravanti. Il Castelvetro, invece, risponde con un 4-4-2 dinamico con il tandem d'attacco formato dai temibili Giuseppe Cozzolino e Alessandro Napoli.  
I modenesi mostrano subito intensità, ma la Vigor non si tira indietro, accettando il confronto. La prima occasione arriva al 18' ed è di marca locale, con un tiro-cross di Minasola dalla destra che Tammaro devia in corner. Il Castelvetro risponde poco dopo la mezz'ora con il diagonale di Giuseppe Cozzolino, che però termina fuori alla sinistra di Serena. Lo stesso attaccante (ex serie A nel Lecce) colpisce una clamorosa traversa al 35' con una conclusione da fuori area dal versante sinistro. Scampato il pericolo, nei minuti finali del primo tempo la squadra di Ciceri pressa l'avversario: al 41' un tiro di Lucci viene deviato in angolo, poi due minuti dopo sempre da uno schema su corner arriva il vantaggio del Carpaneto: conclusione dello stesso Lucci respinta da un difensore e Alberici trova la ribattuta vincente per l'1-0. 
Nella ripresa, i biancazzurri hanno subito un buon guizzo con il giovane Strozzi, autore di una conclusione a girare di poco alta sopra la traversa (49'). Il match sale di tono agonistico e iniziano le ammonizioni, mentre al 58' la sfortuna continua a sfidare la Vigor: Fumasoli (già in campo nella ripresa con una fasciatura in testa) deve abbandonare a causa di un problema fisico, con l'emergenza-difesa che si espande. Ciceri inserisce il centrocampista Ruffini, arretrando Pessagno sulla linea della retroguardia a fianco di Alberici. Il collega Semprini, da par suo, aumenta il potenziale offensivo, con Ricci al posto dell'esperto Tamburini al 66'. Tre minuti dopo la capolista pareggia i conti sugli sviluppi di un corner dalla sinistra, con la seguente conclusione di Giuseppe Cozzolino che si infila sul palo più lontano alla sinistra di Serena (1-1). 
La Vigor ha bisogno di forze fresche e così Armani avvicenda Compiani nella zona nevralgica del campo. All'80' i biancazzurri di casa hanno l'occasionissima della partita con Delporto, che si invola a tu per tu con Tabaglio ma spreca con un tocco morbido, intercettato dal portiere granata. Al 90' arriva la svolta: su un contropiede ospite, Alberici viene espulso per fallo su chiara occasione da rete e sulla seguente punizione Vernia (già a segno all'andata) trova il gol della vittoria. Cinque i minuti di recupero, ma finisce 2-1 per il Castelvetro. 

VIGOR CARPANETO 1922-CASTELVETRO 1-2
VIGOR CARPANETO 1922: Serena, Strozzi (90'+3' Bertelli), Barba, Pessagno, Alberici, Compiani (71' Armani), Minasola, Fumasoli (59' Ruffini), Delporto, Lucci, Villani (A disposizione: Buzzoni, Dosi, Giorgi, Tagliafichi). All.: Ciceri
CASTELVETRO: Tabaglio, Piacentini, Calanca (90'+3' Vernillo), Tammaro, Tamburini (66' Ricci), Vernia, Cozzolino S., Covili, Giovanardi, Cozzolino G., Napoli (90'+4' Bernabiti) (A disposizione: Pellitteri, Croce, Mazzini, Rubini). All.: Serpini
ARBITRO: Dallapiccola di Trento (assistenti Pistillo e Mancarella di Parma)
RETI: 43' Alberici (V), 69' Cozzolino G. (C), 90'+1' Vernia (C)
NOTE: Corner 6-1, ammoniti: Strozzi, Minasola, Compiani (V), Tammaro (C), all'80' allontanato dalla panchina il direttore sportivo della Vigor Mario Barbieri, al 90' espulso Alberici (V) per fallo su chiara occasione da gol. Recupero: 0', 5'.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento