rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Calcio

E' un Piacenza sprint quello che viola Lecco

I lupi biancorossi vanno in gol all'inizio delle due frazioni di gioco. E Cesarini sbaglia anche un rigore

LECCO-PIACENZA 1-2 (p.t. 1-1)

LECCO: Pissardo, Celjiak, Battistini, Enrici, Morosini, Kraja, Masini, Giudici, Vasic, Ganz, Petrovic. A disp. Libertazzi, Lora, Marzoratti, Lakti, Purro, Merli Sala, Nesta, Sparandeo, Nepi, Sberna, Italeng, Buso. All. De Paola.

PIACENZA: Tintori, Parisi, Cosenza, Nava, Giordano, Munari, Suljic, Castiglia, Gonzi, Cesarini, Dubickas. A disp. Pratelli, Tortora, Rillo, Tafa, Lamesta, Marchi, Bobb, Rabbi, Marino, Armini, Rossi, Ruiz. All. Scazzola.

ARBITRO: Di Cicco di Lanciano.

RETI: 4' Munari, 8' Giudici, 47' Nava.

Avvio di gara scoppiettante allo stadio di Lecco. Pronti via, è subito il Piacenza che rompe il ghiaccio. Palla filtrante dentro l'area che arriva a Munari freddo a prendere portiere e difensore in controtempo e ad insaccare lo 0-1. La replica del Lecco è repentina. Morosini colpisce la traversa, ma qualche minuto dopo Giudici addomestica un cross lungo e calcia forte e preciso sul primo palo che Tintori lascia leggermente scoperto, ed è 1-1. Dopo esser passato lo spavento, sono i padroni di casa che spingono sull'acceleratore, e al quarto d'ora hanno una ghiotta occasione con Ganz che da posizione defilata colpisce l'esterno della rete. Allo scoccare esatto della mezz'ora il Piacenza avrebbe l'opportunità di un contropiede non sfruttato a dovere. Mentre Tintori respinge altre conclusioni degli avversari, Cesarini al 37' fa un'azione da 'mago'. Serpentina a sbilanciare il difensore che da terra, e in area, tocca il pallone con un braccio per tentare di mettere una pezza all'errore. L'arbitro però lo vede e fischia il rigore che lo stesso numero dieci biancorosso s'incarica di tirare. Dal dischetto Cesarini calcia alla destra del portiere che indovina l'angolo e respinge il tiro a mezza altezza. L'ultimo squillo prima dell'intervallo è ancora di Morosini, ma il punteggio non cambia.

Secondo tempo

La ripresa vede ancora una volta una partenza sprint del Piacenza, che sugli sviluppi di un calcio d'angolo va nuovamente in vantaggio. Ci pensa Nava a ribattere in rete un pallone che si alza a campanile, con il portiere Pissardo che riesce giusto a deviare il pallone sul palo senza evitare che questo comunque gonfi la rete. Subito il secondo gol, il Lecco quasi rallenta il suo gioco, e allora ne approfittano gli ospiti nel controllare e nel cercare addirittura il tris al 60'. Dubickas lanciato in porta calcia di poco fuori misura. Dopo aver smesso di giocare, il Lecco si rivede in attacco a 15' dalla fine con due traversoni pericolosi ma fortunatamente inconsistenti. Gli ospiti non smettono comunque di attaccare, e creano un'altra opportunità con la conclusione di Gonzi. Nel forcing finale il Lecco va al tiro con Ganz, ma in pieno recupero è Cesarini che ha un'altra ghiotta chance. Come in occasione del rigore, sbilancia il marcatore mentre lo punta e calcia in diagonale rasoterra. Ci mette la mano l'estremo difensore che devia in angolo. La sfida non regala altre emozioni, con il Piacenza che gela il pallone portandolo più volte verso la bandierina.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

E' un Piacenza sprint quello che viola Lecco

IlPiacenza è in caricamento