rotate-mobile
Calcio

Dal 'mago' Cesarini alla 'freccia' Sartore, sempre più decisivi

L'ultimo turno di campionato del girone A di serie C ha regalato due successi a Piacenza e Fiorenzuola, sospinte dai due rispettivi giocatori

L'ultimo giornata di campionato ha visto Piacenza e Fiorenzuola centrare due successi molto importanti nell'ottica del proprio obiettivo da raggiungere. I biancorossi di mister Cristiano Scazzola hanno superato al fotofinish l'Albinoleffe dopo una gara condotta per lunghissimi tratti. Da par suo, il Fiorenzuola ha dominato la gara di Legnago con una prestazione perfetta. A splendere per l'una e per l'altra squadra piacentina il 'mago' Alessandro Cesarini e la 'freccia' Francisco Sartore. Li avevamo designati come protagonisti assoluti del derby di qualche settimana fa, e purtroppo nella partita che aveva regalato poche occasioni da gol non sono riusciti a prendersi la scena. Ma sono i principali pericoli delle rispettive formazioni, e domenica dopo domenica lo stanno sempre più dimostrando.

Se il Piacenza riesce a girare in fase offensiva è solo ed esclusivamente per le capacità tecniche e tattiche di Cesarini. Non a caso quando i lupi riescono a segnare, quasi sempre c'è il suo zampino. Giocatore di livello, che due settimane fa ha addirittura festeggiato il centesimo gol da professionista. Un record che ha subito aggiornato con la rete all'Albinoleffe che ha permesso di indirizzare il match nel verso giusto. Poi il trequartista ha anche avuto la possibilità di raddoppiare, ma il suo essere nel gioco è davvero imprescindibile per il Piacenza di mister Scazzola.

Lo stesso possiamo dire di Sartore. L'italo-brasiliano arrivato soltanto lo scorso gennaio dalla Turris (formazione che per puro caso il Fiorenzuola affronterà nella finale della Primavera 4 in programma venerdì 8 aprile a Cesena, ndr), ha avuto un forte impatto nella squadra rossonera. Nelle ultime partite aveva inciso con i suoi gol, permettendo alla squadra di mister Luca Tabbiani di conquistare i punti utili alla salvezza. Nell'ultimo impegno in trasferta contro il Legnago, non è andato in rete ma è stato decisivo per due marcature. La prima, quando ha tagliato perfettamente la difesa avversaria suggerendo il passaggio filtrante sul quale è stato atterrato procurandosi così il rigore poi trasformato da Stronati. E poi ha avviato nella ripresa l'azione in contropiede che ha visto Mastroianni chiudere i conti sul definitivo 3-1.

Cesarini e Sartore, il numero dieci dei lupi biancorossi e il numero undici dei rossoneri, è indiscutibile che i risultati di Piacenza e Fiorenzuola non passino attraverso le loro prestazioni.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal 'mago' Cesarini alla 'freccia' Sartore, sempre più decisivi

IlPiacenza è in caricamento