rotate-mobile
Calcio

Gironi serie C, separazione per Piacenza e Fiorenzuola

Ipotesi biancorossi nuovamente nel girone A mentre i rossoneri possono finire in quello B

Domani pomeriggio, lunedì 18 luglio, ci sarà la sentenza del Collegio di garanzia del Coni riguardo i ricorsi di Teramo e Campobasso, escluse dal prossimo campionato di serie C dopo i controlli della Covisoc al momento dell'iscrizione. Sono dunque 58 club su 60 sicuri di essere al via del prossimo campionato, che prevede la suddivisione delle squadre nei canonici tre gironi da venti formazioni ciascuno. In attesa di capire, però, gli eventuali ripescaggi, sta prendendo sempre più piede la possibilità che possa non esserci il derby tra Piacenza e Fiorenzuola. Infatti, non è escluso che la squadra del capoluogo possa essere inserita nuovamente nel girone A insieme ad Albinoleffe, Alessandria, Feralpisalò, Juventus under 23, Lecco, Mantova, Novara, Padova, Pergolettese, Pordenone, Pro Patria, Pro Sesto, Pro Vercelli, Renate, Sangiuliano City, Trento, Triestina, Vicenza e Virtus Verona; mentre la compagine della provincia possa finire nel girone B con Ancona, Arzignano, Carrarese, Cesena, Gubbio, Imolese, Lucchese, Montevarchi, Olbia, Pescara, Pontedera, Recanatese, Reggiana, Rimini, San Donato Tavernelle, Siena, Teramo, Virtus Entella e Vis Pesaro. Ovviamente queste sono ancora solo ipotesi al vaglio della Lega Pro, che potrà pronunciarsi in merito soltanto dopo avere il pieno organico delle squadre partecipanti.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gironi serie C, separazione per Piacenza e Fiorenzuola

IlPiacenza è in caricamento