rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Calcio

Il Piacenza va sotto, recupera, ma rimanda ancora l'appuntamento con la vittoria

Pareggio contro la Virtus Verona, con Cesarini che illumina e poi colpisce la traversa. Palo anche per Lamesta

PIACENZA-VIRTUS VERONA 1-1

PIACENZA: Tintori, Frosinini, Nava, Cosenza, Capoferri, Munari, Palazzolo, Nelli, Vianni, Cesarini, Rossetti. A disp. Rinaldi, Maianti, Giacchino, Morra, Pezzola, Lamesta, David, Conti, Onisa, Masetti, Biancheri. All. Scalise.

VERONA: Sibi, Talarico, Ruggero, Daffara, Faedo, Tronchin, Hallfredsson, Lonardi, Amadio, Danti, Sinani. A disp. Giacomel, Siaulys, Mazzolo, Nalini, Begheldo, Manfrin, Gomez, Santi, Zarpelloni, Cellai, Vesentini, Turra, Priore, Casarotto, Munaretti. All. Fresco.

ARBITRO: Pezzopane di L’Aquila.

RETI: 30' Danti, 35' Rossetti.

Allo stadio Garilli arriva la Virtus Verona, ma come detto alla vigilia da mister Manuel Scalise, il Piacenza deve pensare solo a se stesso e fare la propria partita. Pronti, via, sono però gli ospiti che premono sull'acceleratore. Dopo 3' pericolosa punizione di Hallfredsson che finisce di poco alta sulla traversa anche se Tintori copriva bene. Intorno al 10', sempre dai piedi del centrocampista veronese partono due calcio d'angolo che creano due mischie in area facendo scorrere qualche brivido sulla schiena ai biancorossi. Pian piano i padroni di casa provano a salire, ed è soprattutto Cesarini che si rende più attivo. Gli ospiti comunque sono più in palla, e al 18' Danti e Sinani danno il là ad un contropiede con il tiro di quest'ultimo deviato in angolo da Tintori. La migliore occasione per il Piacenza arriva al 26' con Rossetti che pressa bene Daffara, il suo rilancio va a finire sui piedi di Cesarini che in area fa partire un diagonale di poco a lato. Nessuna paura per la Virtus però, che poco dopo ancora con Sinani va al tiro ravvicinato che termina sulla rete esterna. Ma 2' più tardi sul cross dalla trequarti di Hallfredsson, Capoferri non segue Danti che sul secondo palo calcia al volo e batte Tintori per il vantaggio ospite. Il Piacenza cerca la risposta rabbiosa portandosi più volte nell'area avversaria. Rossetti sfiora il pari con il colpo di testa da calcio d'angolo, ma sarà proprio l'attaccante a griffare l'1-1 al 35' quando sull'uscita rivedibile di Sibi si ritrova a dover solo spingere il pallone nella porta vuota. Sull'onda dell'entusiasmo i biancorossi arrivano ancora al tiro con Cesarini che però non crea grattacapi alla Virtus.

Secondo tempo

Il leit motiv della partita non cambia nella ripresa, nonostante mister Scalise aumenta il potenziale offensivo con l'ingresso sia di Morra che di Lamesta. La prima occasione è però degli ospiti, con il tiro dalla distanza di Lonardo che fa la barba al palo. Per il Piacenza tanto se non tutto passa per i piedi di Cesarini, che al 63' prima protegge bene il pallone a centrocampo e poi avvia il contropiede aprendo sulla sinistra per Munari. L'esterno tenta la conclusione al tiro che però finisce troppo alta sulla traversa. I biancorossi continuano a spingere e dopo il 20' della ripresa hanno una doppia opportunità per segnare con Lamesta. Prima largo sulla destra riceve un'ottima imbucata, ma troppo sotto al portiere Sibi non riesce a superarlo. Poi impegna l'estremo difensore avversario direttamente da calcio di punizione, bravo a respingere il pallone in angolo. Alla ricerca della rete del vantaggio, il Piacenza alza parecchio il proprio baricentro e la Virtus Verona quasi ne approfitta quando Sinani viene lanciato in contropiede, fermato con un intervento in scivolate ed in recupero di Nava che vale quasi quanto un gol. Passato l'attimo di paura, gli uomini di Scalise tornano ad attaccare ed al 78' Cesarini ritorna protagonista con un tiro dalla distanza che Sibi respinge centralmente, si fionda sul pallone Morra che si ritrova solo davanti alla porta ma al momento di calciare scivola e spreca l'occasione. All'83' succede di tutto nell'area di rigore veronese. Punizione di Nelli che trova la testa di Cosenza che mette al centro il pallone, Cesarini colpisce di testa a botta sicura ma stampa il pallone sulla traversa. La sfera arriva al limite dell'area ed è raccolta da Lamesta che la piazza ma incredibilmente colpisce il palo prima che la difesa riesca a liberare. Sono le ultime azioni per cercare di vincere, perché al fischio finale è 1-1. Per il Piacenza è ancora rimandato l'appuntamento con i 3 punti, e adesso si scenderà in campo mercoledì per il turno infrasettimanale sempre al Garilli contro la Feralpisalò.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Piacenza va sotto, recupera, ma rimanda ancora l'appuntamento con la vittoria

IlPiacenza è in caricamento