rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Calcio

Il Piacenza sospinto dai propri tifosi va vicino a battere la Juve U23

I biancorossi ci provano sin dall'inizio, gettano il cuore oltre l'ostacolo, e solo due traverse impediscono il passaggio del turno

JUVENTUS U23-PIACENZA

JUVENTUS U23: Isreal, Leo De Winter, Poli, Anzolin, Leone (56' Barrenanchea), Zuelli (80' Sersanti), Compagnon (56' Iocolano), Soulè, Cudrig (70' Sekulo) , De Graca (80' Riccio). A disp. Raina, Siano, Stramaccioni, Verduci, Palumbo, Boloca, Lipari. All. Zauli.

PIACENZA: Tintori, Parisi, Nava, Cosenza, Marchi, Munari (70' Rossi), Castiglia (77' Lamesta), Suljic, Gonzi, Rabbi (87' Marino), Dubickas. A disp. Pratelli, Galletti, Rillo, Tafa, Bobb, Giordano, Armini, Ruiz. All. Scazzola (squalificato), Greco.

ARBITRO: Claudio Panettella di Gallarate.

Il vero e proprio esodo della tifoseria piacentina ha fatto registrare il record di presenze per questa stagione allo stadio Moccagatta. Più della metà degli spettatori, ingressi accreditati compresi, provengono dall'Emilia. Ed anche per onorare la presenza dei propri supporters, è il Piacenza a rendersi più pericoloso per tutta la gara.

Primo tempo

Al 7' ci prova Munari, che controlla un pallone vagante al limite dell'area e calcia di poco fuori misura. Al 12' è il turno di Castiglia che manca l'appuntamento con il pallone, a centro area, sugli sviluppi di un calcio d'angolo. La sfera rimane però viva, e dopo un'azione manovrata Dubickas non riesce ad impattare il cross messo al centro. Si vede anche la Juventus che con Da Graca chiama la profondità ma trova la risposta di Tintori. I lupi però spingono, altro cross e sia Castiglia che Dubickas non riescono a colpire di testa, ma c'è il tocco di un difensore ed è un altro corner. La gara sale di colpi e si mette in mostra Soulè che prova a piazzare il pallone che finisce di poco a lato. Al 25' Rabbi scarica per Gonzi che rientra sul destro ma la conclusione è larga. Sempre l'ala biancorossa si fa rivedere al tiro dalla distanza al 36', e ancora una volta Israel osserva con lo sguardo il pallone finire fuori. Entrati negli ultimi 300 secondi del primo tempo, Suljic cerca di impensierire il portiere avversario da punizione, ma la conclusione è troppo centrale. L'ultima occasione della frazione è un'invenzione di Soulè che serve in area Da Graca, controllo ma tiro di molto a lato.

Secondo tempo

Alla ripresa delle ostilità è sempre il Piacenza a farsi vedere in attacco, Dopotutto, i lupi hanno un solo risultato a disposizione per passare il primo turno dei playoff, ed è la vittoria. Al 50' ghiotta chance di Munari che da posizione centrale potrebbe calciare forte. Invece, il centrocampistaforse impensierito dal ritorno in tackle di un difensore calcia d'esterno facendo terminare il pallone addirittura in fallo laterale. Al 54' un'altra doppia occasione per gli ospiti. Prima Dubickas controlla in area, calcia, ma viene murato. Sulla respinta Rabbi inquadra e spara, ma la palla si stampa sulla traversa. Il Piace aumenta gli sforzi alla ricerca del gol qualificazione, prova a far massa nella metà campo avversaria ma sui vari palloni messi dentro l'area svetta De Winter. Le principali opportunità per segnare arrivano comunque da calci piazzati. Al 73' è Cosenza che impatta bene il pallone sugli sviluppi di un calcio d'angolo, ma il suo colpo a metà tra una conclusione ed una torre si spegne a lato senza che nessuno possa intervenire. I cambi fanno saltare ogni tipo di schema, con la Juve che si chiude alla difesa del punteggio. All'89' Suljic serve Dubickas a centro area, potrebbe girarsi e invece l'attaccante appoggia fuori per Marino che prova la botta ribattuta dalla difesa. Nemmeno un minuto, e Rossi, da attaccante boa, riceve spalle alla porta e calcia di prima intenzione colpendo ancora la traversa, la seconda della gara per i biancorossi. Con 4' di recupero, gli uomini di Scazzola provano il tutto per tutto, con Marino che crea tanto senza però riuscire a concludere. Con i lupi sbilanciati in attacco, al 93' Sekulov ha il pallone per segnare ma Tintori gli dice di no. L'ultimo assalto non produce gli effetti sperati, e al triplice fischio termina qui la stagione del Piacenza.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Piacenza sospinto dai propri tifosi va vicino a battere la Juve U23

IlPiacenza è in caricamento