rotate-mobile
Mercoledì, 21 Febbraio 2024
Calcio

Piace ok, ma Scalise può recriminare per due episodi

Vittoria di misura, ma la Castellanzese avrebbe meritato il pari nella ripresa

Piacenza-Castellanzese 1-0

Piacenza: Moro, Iob (27' Napoletano), Del Dotto, Silva, Artioli, Ndoye (90' Santella), Andreoli, Corradi (60' Gerbaudo), Bassanini (93' Tortelli), D’Agostino, Recino (72' Marquez). A disp. Maianti, Russo, Tourè, Castro. All. Rossini.

Castellanzese: Spada, Compagnoni, Arrigoni, Reggiori, Mandelli, Ayokoue, Sassaro, Bernardi, Valsecchi, Colombo, Chessa. A disp. Poli, Boccadamo, Bigotto, Areco, Di Nardo, Tirapelle, Vavassori, Cerlesi, Arcangeloni. All. Scalise.

Arbitro: Marangone di Udine.

Rete: 22' Del Dotto.

Allo stadio Garilli va in scena la sfida tra Piacenza e la Castellanzese dell'ex mister Scalise. La gara è subito vibrante, ritmo alto e continui capovolgimenti di campo. Di occasioni però, se ne vedono poche. Al 7' il primo brivido con Ndoye che scatta sulla destra, e dall'angolo alto dell'area di rigore tenta il pallonetto che s'infrange sulla traversa. Al 20' grande conclusione di Recino impegnando il portiere che con un po' di fortuna mette in angolo. Sugli sviluppi del corner erroraccio dell'estremo difensore ospite, che non trattiene la sfera e permette il vantaggio dei biancorossi. L'ultimo tocco sembrerebbe di Del Dotto, ma anche Recino e un difensore sono in zona. Nella seconda parte del primo tempo le occasioni sono solo di marca Castellanzese. Compagnoni calcia forte ma alto, Colombo prova la deviazione volante sotto porta ma non inquadra lo specchio, mentre nel finale la sassata di Mandelli sfiora soltanto l'incrocio dei pali.

«Vogliamo continuare con voi», ma c'è stato l'esonero

Nella ripresa la Castellanza trova subito il pareggio da calcio d'angolo, ma l'arbitro annulla per un presunto fallo su Moro che è in realtà dietro all'attaccante. La squadra di Scalise con coraggio pian piano prende campo, con il Piacenza che inizia a soffrire e non poco. Napoletano, dopo aver spinto bene sulla fascia nel primo tempo, risente come tutta la squadra. La Castellanzese addirittura recrimina per un contropiede davanti solo al portiere fermato dall'arbitro per un fallo precedente a centrocampo. Scalise in panchina dà di matto, ed ha le sue ragioni. Gerbaudo dal limite calcia altissimo, l'incornata di Marquez su cross di D'Agostino è facile per il portiere, e si entra così negli ultimi 600 secondi di gioco. Sono ancora gli ospiti pericolosi lì davanti, con una duplice occasione. Colombo taglia bene ma il suo tiro attraversa tutta l'area piccola, Vavassori si fa trovare pronto nel recupero e scaglia dal limite un pallone che Moro addomestica con qualche palpitazione. Non ci sono altre emozioni, e così il Piacenza conquista tre punti preziosi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piace ok, ma Scalise può recriminare per due episodi

IlPiacenza è in caricamento