Copra, è sempre più buio

Nell’ottava giornata di ritorno del campionato di serie A1 l’Itas Diatec Trentino disintegra gli emiliani con un secco 3-0. Pesano le assenze di Bravo e Zlatanov. Troppo forti i campioni d’Italia: Winiarski e Kaziyski sugli scudi. Ora il ritorno degli ottavi di Chiampions, per dare un senso alla stagione

Nulla da fare. La terza sconfitta consecutiva - il secondo 0-3 di fila in campionato - è una doccia fredda per le velleità dei lupi biancorossi del Copra. Ora, tutto si fa in salita: la concentrazione si stringe per la trasferta polacca degli ottavi di Champions, cui seguirà, presumibilmente, la rivincita con Trento. Ma il trend d’infortuni e di morale basso non lascia presagire niente di buono.

L’arduo match comincia con il bombardiere Kaziyski in gran spolvero. Trento, come prevedibile, è un osso duro e si porta subito a +2: 11 a 9. Winiarski non è da meno del titolato compagno bulgaro, e mette a terra una combinazione velocissima. I campioni d’Italia volano a +5: in confusione sembrano essere Rak e Pampel. Marshall ha le polveri bagnate; Dunnes si esibisce in pallonetti imbarazzanti. Poi, muro imperioso di Vissotto e lo strappo decisivo: primo set trentino per 25 a 22, dopo una battuta fuori di Rak.

La seconda frazione comincia nel segno dell’equilibrio. Lorenzetti striglia i suoi nel primo time-out, sul 9-6 per Trento: «Abbiamo fatto due attacchi alla camomilla, un po’ di personalità ragazzi!». Gli uomini di Stoytchev continuano a macinare gioco e punti: Kaziyski è imperioso. Piacenza rimane in scia, a fatica. Il livello della partita scende: errori in battuta e in schiacciata, da entrambi le compagini. Un ace fortunoso - palla sul nastro della rete che ricade “a foglia morta” sul campo piacentino - dà all’Itas il set point. Punto che viene realizzato con un errore di Marshall: 2 set a 0 per Trento.

Partenza a pie’ pari nel terzo set. Gli emiliani, per la prima volta nella partita, mettono la freccia del sorpasso: +2, con errore in primo tempo di Piscopo. Vissotto, con una catena di errori, “esce” dalla partita. Ma il Copra sembra in palla, finalmente: non sbagliano più né Rak né Grassano. Per poco. Trento si rifà sotto, con un tremendo parziale di 6-1. Kaziyski non fallisce nulla; gli uomini di Lorenzetti, invece, sprofondano nell’oblio. Marshall al servizio tenta di mettere una pezza sui tre match point dei campioni d’Italia. Nulla da fare: palla in rete, e per la Diatec c’è lo scalpo del PalaBanca.

Copra Nordmeccanica - Itas Diatec Trentino 0-3: 22-25; 20-25; 23-25


Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Due positivi in discoteca e mancanza delle norme anti Covid». Disposta la chiusura del Paradise

  • Rischia di annegare in piscina, salvata bambina di due anni

  • Salvini: «Il comandante dei carabinieri di Piacenza scelto dal ministro De Micheli»

  • «Raccontai a Papaleo perché è onesto, Montella era intoccabile. In tanti mancano ancora all'appello»

  • Dopo il frontale con un tir finisce nel canale, 20enne gravissimo

  • Muore schiacciato dal trattore mentre lavora nei campi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento