Eccellenza, il debutto del "canterano" della Vigor Carpaneto 1922 Edoardo Villani

Dopo lo spezzone contro il Luzzara, domenica scorsa il giovane centrocampista del paese (classe 1997) è stato schierato per 90 minuti a Casalgrande. "Campionato impegnativo, ma la squadra mi ha aiutato molto"

L'esordio in prima squadra è avvenuto nel finale del match casalingo vinto contro il Luzzara (2-0), mentre domenica scorsa ha debuttato dall'inizio nell'amara trasferta di Casalgrande (ko 1-0), giocando per 90 minuti con la maglia numero 11. Nonostante la sconfitta, resterà una domenica da ricordare per Edoardo Villani, giovane centrocampista della Vigor Carpaneto 1922, unica formazione piacentina al via del campionato dell'Eccellenza emiliana. Classe 1997, Villani è un prodotto del settore giovanile biancazzurro nel senso più stretto del termine: originario di Carpaneto, ha iniziato a 4 anni a dare calci al pallone, compiendo tutta la trafila nelle giovanili del paese. Scuola calcio, Pulcini, Esordienti, Giovanissimi, Allievi e infine Juniores, con la ciliegina sulla torta della convocazione in prima squadra dell'unica maglia che finora ha indossato. 
"L'Eccellenza - confessa il diciotenne, che nei prossimi mesi affronterà la maturità classica al liceo "Gioia" di Piacenza - è un campionato difficile, impegnativo, dove il livello è alto e tutti danno il massimo. Da fuori sempra più facile, mentre giocare è un'altra cosa: le difficoltà aumentano e per un giovane all'inizio ci può essere un po' di agitazione". "La squadra però - aggiunge Edoardo - mi ha aiutato molto, suggerendomi le cose da fare: domenica scorsa ci ho provato, anche se non sono riuscito in toto. Contro la Casalgrandese è stata una partita complicata: conoscevamo le loro abilità difensive e dopo il vantaggio i reggiani si sono chiusi. Non era facile trovare occasioni, le abbiamo avute ma non siamo riusciti a pareggiare, complici alcuni episodi arbitrali che non ci hanno aiutato. Domenica affronteremo in casa la capolista Castelvetro in un altro match molto difficile e allo stesso tempo stimolante".
Quali sono le tue caratteristiche da centrocampista?
"Da piccolo giocavo in attacco e sono più votato alla proiezione offensiva, ma sono abituato anche ad attendere a centrocampo, dove mi trovo più a mio agio da esterno. Alla Vigor stimo molto tutti i giocatori; nel mio reparto, se dovessi fare qualche nome direi Ruffini per capacità tecniche e Fumasoli per saper abbinare tecnica a doti morali. In avanti mi piace molto Minasola, anche se tutti sono bravi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Cade dalle scale di casa e batte la testa, è grave

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • Emilia-Romagna in zona arancione: l'ordinanza di Speranza

Torna su
IlPiacenza è in caricamento