Fumagalli salva il Pro Piacenza. Al Garilli la Lucchese è inchiodata sullo 0-0

Arriva all’undicesima giornata di campionato il primo pareggio stagionale per il Pro Piacenza. Un pareggio che in casa rossonera viene accolto con soddisfazione viste le tante occasioni sprecate dalla Lucchese

Ermanno Fumagalli

Arriva all’undicesima giornata di campionato il primo pareggio stagionale per il Pro Piacenza. Un pareggio che in casa rossonera viene accolto con soddisfazione viste le tante occasioni sprecate dalla Lucchese soprattutto nella seconda frazione di gioco, con un Fumagalli superlativo in almeno tre occasioni. In un Garilli freddo e nebbioso, la squadra di Pea ha sicuramente fatto un passo indietro in termini di gioco rispetto alla vittoria di una settimana fa contro la Viterbese; merito di una formazione ospite ben organizzata in avanti con alcune individualità offensive di assoluto valore. Confermato Aspas nel cuore della difesa affiancato da Sall e Calandra con Bini sacrificato in panchina, mentre in avanti è Marra che si posiziona vicino a Pesenti nel 5-3-2 dei padroni di casa dove Cavalli, Pugliese e Rossini rappresentano la triade di centrocampo; i lucchesi di Galderisi scelgono un offensivo 3-4-2-1 con il trequartista Merlonghi quarto di centrocampo e De Feo-Terrani a supporto del bomber Forte. Nonostante il volenteroso inizio sull’asse Pesenti-Cardin, sono i rossoneri ospiti a prendere per mano le redini del gioco, è chiara la superiorità a centrocampo con il due Bruccini-Nolè in evidente superiorità numerica con Cavalli spesso preso in mezzo e Pugliese-Rossini in affanno contro i dirimpettai toscani. Il Pro gioca un primo tempo in cui cerca di aggredire gli spazi larghi senza però distendersi in contropiede in maniera organica: troppo solo Pesenti, supportato a tratti dal solo Cardin sulla destra, dall’altro lato super lavoro per Terrani e De Feo che, muovendosi tra le linee, cercano la combinazione per mandare in porta Forte. L’occasione più ghiotta del primo tempo si concretizza per merito di un errore individuale in disimpegno di Sall che libera al tiro prima De Feo (neutralizzato da Fumagalli) e poi Forte (clamorosa palla out a porta spalancata). Nella ripresa la spinta ospite cresce esponenzialmente con Galderisi che decide di scardinare la difesa piacentina da destra sfruttando la spinta di Merlonghi su Sane: è da questa fascia che arrivano tutte le principali occasioni da rete con il triplo miracolo di Fumagalli su De Feo (due volte) e Forte, condite da almeno altre due occasioni pericolose per i toscani. Al fine è comunque un pareggio che consente al Pro Piacenza di muovere una classifica in cui rimane sempre al limite della zona play-out al pari della Lupa Roma; proprio domenica prossima i rossoneri viaggeranno a Tivoli in un nuovo spareggio salvezza contro i capitolini, servirà senz’altra una prestazione in termini di gioco: più aggressiva e meno timida in mezzo al terreno di gioco per evitare di rimanere schiacciati nella propria metà campo senza riuscire, come successo nel match contro la Lucchese, a creare ripartenze in grado di tenere impegnata la linea difensiva avversaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Il divieto di spostamento tra comuni non piace a nessuno: «Così non potranno vedersi genitori e figli»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento