Gianni Rivera a Carpaneto: «Adesso nessuno è più forte di Messi»

Gianni Rivera, ex rossonero e Pallone d'oro nel 1969, a Carpaneto incontra fan, genitori e piccoli calciatori: «I giovani devono imparare ad accettare le sconfitte»

Gianni Rivera a Carpaneto

Tantissimi i ragazzi e gli appassionati di calcio che hanno assistito all’incontro con l’ex campione rossonero Gianni Rivera organizzato dal Carpaneto Calcio. Arrivato in comune con un leggero ritardo, è stato accolto con un caloroso applauso da tutti. Prima di lasciar spazio ai flash dei fotografi e agli autografi, ha voluto dar vita subito alla conferenza affrontando le problematiche che stanno coinvolgendo i giovani che si stanno avvicinando al mondo del calcio in questo periodo difficile.

«Purtroppo oggi i ragazzi si fanno condizionare troppo dall’aspetto mediatico – ha detto – solo un giocatore su tremila arriva a giocare in serie A, sia ben chiaro». Rivera, pallone d’oro nel 1969, ha tenuto a chiarire ai tecnici presenti che insegnare il gioco significa imparare a condividere il rispetto per i compagni, rispettare le regole e atteggiarsi dovutamente con gli avversari.

«Inoltre i giovani di oggi – continua – devono imparare ad accettare le sconfitte». L’ex giocatore del Milan, in una sala gremita di genitori, coglie l’occasione per annunciare che spesso sono proprio loro a montare la testa ai propri giovani permettendogli di troncare la carriera scolastica». C’è stato spazio anche per le domande dei “piccoli campioni” alle quali Rivera ha risposto con piacere e commozione. «Ho iniziato a giocare da giovanissimo – racconta – appena ho potuto sono andato nel Milan dove sono rimasto per diciannove anni. Ho dei ricordi bellissimi».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella sala del Comune intanto partono i pronostici sulla partita Milan-Barcellona al quale Rivera risponde così: «Speriamo che vinca il Milan anche se il Barcellona parte sicuramente avvantaggiato. Al momento il giocatore più forte in assoluto è senza subbio Messi». Un evento, che rimarrà sicuramente nella storia di Carpaneto e di tutti coloro che hanno potuto stringergli la mano o farci una foto insieme.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento