menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lega Pro, il punto. Rallenta la capolista, saltano le panchine di Prato e Lupa

Dodicesima giornata di Lega Pro incentrata sul sorprendente pareggio nel testa-coda tra Racing ed Alessandria e sulla goleada della Cremonese

Dodicesima giornata di Lega Pro incentrata sul sorprendente pareggio nel testa-coda tra Racing ed Alessandria e sulla goleada della Cremonese che si mette in scia dei grigi. In coda guai per Pontedera, Prato e Lupa Roma con quest’ultime che hanno chiamato in panchina Monaco e Di Michele. Ben 31 reti siglate con 18 casalinghe che hanno fruttato cinque vittorie e 13 esterne ( di cui 4 a Pontedera) che hanno fruttato solo due vittorie. Netta vittoria del Livorno che affossa il Prato alla sesta sconfitta esterna, sono di Jelenic (2) Lambrughi, Cellini e Morelli le reti labroniche, inframmezzate dall’inutile sigillo di Danese; terza sconfitta in casa per la Lupa Roma che cede i tre punti al Pro Piacenza, la doppietta di Pesenti regala la seconda vittoria esterna stagionale per i rossoneri, inutile il provvisorio pareggio di Mastropietro. Si conferma infallibile in casa l’Olbia che con Ragatzu ottiene il quarto sorriso interno stagionale ai danni del Tuttocuoio; è abbonata ai pareggi la Pistoiese (7) che in casa con l’Arezzo riesce ad impattare in extremis con Priola il vantaggio ospite di Foglia. Sesta sconfitta nelle ultime sette gare per il Pontedera di Indiani nettamente travolto in casa dalla Cremonese, Belinghieri-Salviato e Maiorino prima dell’autorete di Poviani permettono ai grigiorossi di avvicinarsi alla vetta; sorpresa a Roma dove la Racing rischia il clamoroso sgambetto all’Alessandria, e’ la punizione allo scadere di Gonzalez a rispondere al vantaggio laziale di Massimo. Pari e spettacolo tra le provinciali terribili Renate e Giana, doppio Marzeglia prima del recupero di Bruno e Solero per un pareggio pieno di recriminazioni per i padroni di casa; torna alla vittoria il Siena che ferma l’ascesa della Carrarese, la coppia-gol Mendicino e Marotta firma i tre punti per i bianconeri. Non riesce più a vincere la Viterbese sconfitta in superiorità numerica a Lucca, il rigore decisivo di Terrani segue al vantaggio dei rossoneri di De Feo ed al pareggio ospite di Diop; nel posticipo il Piacenza vola al terzo posto sconfiggendo di rimonta il Como con la doppietta di Razzitti e la rete nel finale di Titone, inutile il ritorno alla rete di Bertani nel primo tempo. In classifica marcatori sale al vertice Gonzalez con 9 reti, seguito dal compagno Bocalon e dal Lucchese Forte con 8, a 7 Bruno della Giana e Brighenti della Cremonese. Incontro maggiormente seguito quello dell’Ardenza tra Livorno e Prato con 3863 spettatori seguito da quello del Franchi di Siena con 2430, match meno affollati quello di Tivoli tra Lupa e Pro Piacenza (200) e quello di Meda tra Renate-Giana con 300. Tredicesimo turno con il big-match tra Arezzo(22) e Piacenza (22) che si contendono il terzo posto solitario e Giana (17)-Alessandria (32).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Podenzano, Piva toglie le deleghe all’assessore Scaravella

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento