Lpr verso la final four Challenge. Motivazioni a mille per i biancorossi

Sarà dunque il PalaOlimpia di Verona ad ospitare l’ultimo atto della stagione agonistica della Lpr Piacenza; Molfetta, Verona e Latina contenderanno ai biancorossi il quinto posto finale ed il conseguente pass per la prossima Challenge Cup

Sarà dunque il PalaOlimpia di Verona ad ospitare l’ultimo atto della stagione agonistica della Lpr Piacenza; Molfetta, Verona e Latina contenderanno ai biancorossi il quinto posto finale ed il conseguente pass per la prossima Challenge Cup. Dopo un’annata avara di soddisfazioni e ricca di sconfitte, i ragazzi di Giuliani avranno l’occasione per salvare la stagione e raggiungere quello che era l’obiettivo iniziale,  quel quinto posto che molti in sede di pronostico davano come possibile target di Piacenza ma che, col passare dei match, si era rivelato obiettivo irraggiungibile. Ora, complice una formula originale e grazie anche ad una sorprendente post-season che l’ha vista primeggiare in quattro dei cinque incontri disputati, l’Lpr ha la possibilità dopo due stagioni in Europa ridando slancio ed entusiasmo al suo progetto di rinascita. Prima però c’è una final-four da vincere ed avversari del calibro di Molfetta, Verona e Latina da superare, tutte squadre che in campionato hanno nettamente surclassato Piacenza ma che attualmente paiono alla portata di Perrin e compagni. La squadra vista di recente sembra totalmente trasformata grazie ad un migliore tenuta fisica ed una evidente tranquillità mentale che permette ai biancorossi di mantenere continuità di rendimento  a buoni livelli, se prima si giocava poco più di un set, ora invece sia a livello offensivo che in seconda linea il gioco si mantiene costante, merito anche di alcune individualità che stanno rendendo al meglio come Papi nel ruolo di libero e Ter Horst come schiacciatore, ma la sensazione è quella di una crescita complessiva come palesato da alcuni fondamentali in evidente affanno per tutta la stagione , come battuta e muro, ma ora finalmente capaci di creare break importanti. Nel prossimo week-end, di giocherà venerdì e domenica, conteranno non poco le motivazioni di ogni singola squadra più che i meri aspetti tecnici. Come detto Piacenza ci arriva affamata di successo e desiderosa di tornare nel continente anche per dare maggiore visibilità al suo progetto, differenti invece le valutazioni per le altre tre finaliste. Verona dopo l’incredibile delusione per sconfitta nei quarti scudetto con Perugia, cercherà tra le mura amiche di dare l’ultima soddisfazione ai propri tifosi provando a difendere anche nella prossima stagione la Challenge appena vinta; Molfetta e Latina sembrano vivere qualche difficoltà maggiore anche a livello economico e ciò potrebbe portare a vivere l’obiettivo Coppa Europea in maniera meno spasmodica rispetto a Piacenza. Conteranno dunque le motivazioni, e Piacenza ne ha da vendere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Cade dalle scale di casa e batte la testa, è grave

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • Solo in Italia e ricoverato in ospedale a Piacenza, i poliziotti delle volanti si prendono cura del suo cane

Torna su
IlPiacenza è in caricamento