Lpr Volley Piacenza, ecco i numeri di maglia della stagione 2015/2016

Il raduno della Lpr è fissato per lunedì 31 agosto alle ore 16:00. Zlatanov e compagni in tale occasione effettueranno una riunione tecnica con coach Giuliani per poi dedicarsi alla prima seduta pesi stagionale.

A una settimana esatta dall’inizio della preparazione, la LPR assegna i numeri che adorneranno le maglie dei biancorossi nel corso del 71° Campionato di Serie A.
Piccole variazioni per due giocatori dello scorso anno: ter Horst e Kohut, arrivati rispettivamente a Piacenza con le maglie 7 e 14, nella stagione 2015/2016 scenderanno in campo con i numeri 4 e 3.
Rimangono invece invariati i numeri di Papi (6), Zlatanov (11), Tencati (13) e Tavares (15).
Manià manterrà il contrassegno delle ultime annate, il numero 1; Coscione conserverà il numero con cui ha disputato gran parte della sua carriera, il 2.
Sedlacek si aggiudicherà il 7, Patriarca difenderà il suo storico 8; per finire Luburic disputerà la sua prima stagione italiana con il numero 12.
 
LPR PIACENZA 2015/2016
 
#1 MANIA’ Loris
#2 COSCIONE Manuel
#3 KOHUT Emanuel
#4 TER HORST Thijs
#6 PAPI Samuele
#7 SEDLACEK Marko
#8 PATRIARCA Stefano
#11 ZLATANOV Hristo
#12 LUBURIC Drazen
#13 TENCATI Luca
#TAVARES Rodrigues Miguel
 
Come anticipato negli scorsi giorni il raduno della LPR è fissato per lunedì 31 agosto alle ore 16:00. Zlatanov e compagni in tale occasione effettueranno una riunione tecnica con coach Giuliani per poi dedicarsi alla prima seduta pesi stagionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento