Lupa Piacenza, al via l'azionariato popolare

E' stata inaugurata ufficialmente l'Operazione "dragaggio" per l'avvio del tentativo di azionariato popolare della Società dei fratelli Gatti "La Lupa", prossimamente Piacenza Calcio

E' stata inaugurata ufficialmente l’Operazione “dragaggio” per l’avvio del tentativo di azionariato popolare della Società dei fratelli Gatti “La Lupa”, prossimamente Piacenza Calcio. Alla presenza dei dirigenti della Lupa, del Comitato Salva Piace (Garibaldi e Reggi), dell’Amministrazione Comunale rappresentata da Francesco Cacciatore e dell’ Amministrazione ProvInciale rappresentata da Maurizio Parma, Marco Scianò ha presentato l’iniziativa, riassunta nella brochure di slides nella galleria fotografica, che dovrebbe condurre a far sì che, oltre al 8% riservato al Salva Piace, una precentuale attorno il 38-40% del nuovo Piacenza Calcio SpA sìa in mano a semplici cittadini-tifosi e altre figure finanziarie e/o imprenditoriali disposte a dare seguito alla dichiarazione d’intenti che si può firmare da oggi fino a fine maggio, salvo prolungamenti.

L’obiettivo è raggiungere almeno la cifra effettiva di 120mila euro, valore che Scianò ha dichiarato essere la minima possibile e accettabile per un progetto Piacenza Calcio degno della storia del vecchio Piacenza e della città. Al tavolo degli invitati, si sono avvicendati prima Cacciatore, il quale ha ricordato le vicende che hanno portato alla scelta e all’appoggio della cittadinanza rappresentata dal Comune al progetto dei fratelli Gatti, più volte applauditi per l’impegno profuso in questa vittoriosa e prima stagione.

La parola è poi passata a Maurizio Parma, il più tiepido degli intervenuti, forse perché il più incerto della sopravvivenza della Amministrazione Provinciale uditi gli spifferi romani del premier Letta. A seguire, Guido Molinaroli-presidente del Volley maschile in finale scudetto Copra Elior- il quale com’è spesso suo costume ha “bacchettato” gli assenti, imprenditori soprattutto, ricordando come la sponsorizzazione della maglia non sìa iniziativa di quest’anno, ma radicata in molti anni trascorsi con il Piace in serie A e B, nonché come sarebbe ora che coloro che promettono finanziamenti al calcio la smettessero di dileguarsi poi al momento di stringere gli accordi.

Ha concluso Massimo Garibaldi, segretario e co-promotore del Comitato Salva Piace, il quale non ha mancato di rammentare come la scelta di affidare marchio e titoli alla Lupa fu un po’ “spinta” dall’ esuberanza di parte dei tifosi che abbracciarono senza titubanze nella famosa riunione allo stadio Garilli la proposta Gatti. Nel frattempo, sono state distribuite le brochure di cui sopra ad una platea qualitativamente (economicamente) importante, ma quantitativamente (economicamente disinteressata?) un po’ deludente per l’assenza degli ultras e di molti visi noti della tifoseria storica, salvo alcuni.

Al tempo stesso, oltre al defilato Direttore Sportivo della Lupa Marzio Merli, si sono rivisti tutti assieme volti del vecchio Piace noti e antichi, salvo coloro i quali, innegabilmente, non potevano essere considerati “presentabili”. Si sono succeduti poi, in rappresentanza delle forze imprenditoriali invitate (e non tutte presenti) Alfredo Parietti per l’ Associazione Commercianti e  una entusiasta Isabella Marchini- ritrovata tifosa- per la lIbera Associazione Artigiani che hanno confermato in pochissime parole l ‘ appoggio delle Associaizoni rappresentate all’ iniziativa.

Ora la parola passa a tutti i non addetti ai lavori, sìa che si tratti di semplici tifosi, che di rappresentanti di attività economiche più o meno vaste a cui la dirigenza dei Gatti guarda sicuramente con fiduciosa attesa per rinforzare il progetto più volte sventolato di riportare quanto prima il Piacenza Calcio prima in Lega Pro e subito dopo nel calcio che conta, quello televisivo a tutto tondo. Le cifre generali sono state già dette. Ci si attende un finanziamento dalle ruspe che da oggi sonderanno l’alveo della passione calcistica biancorossa pari ad una costosa auto di lusso, mentre ogni azione costa 200 Euro, poco meno della metà di una pensione sociale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

All'uscita era già predisposto un registro per le prime firme del protocollo d’intenti: siamo stati tra gli ultimi ad uscire e i fogli non sembravano molto diminuiti rispetto l'inizio dell’ incontro.... il 31 maggio non è poi così lontano

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischia di annegare in una piscina da giardino, bimbo di 2 anni gravissimo

  • Donna scomparsa, salvata sotto il diluvio dopo otto ore di ricerca

  • Non ce l'ha fatta il bambino di 2 anni salvato dall'annegamento in una piscina da giardino

  • Esce di casa e scompare nel nulla, al via le ricerche di una 45enne

  • Furti nei magazzini della logistica piacentina, maxi blitz all'alba con quaranta arresti

  • Dalla logistica la merce rubata finiva in negozi compiacenti: 14 persone in carcere

Torna su
IlPiacenza è in caricamento