Matteassi-Razzitti infallibili. Il Piacenza supera anche l'Olbia

Seconda vittoria consecutiva per il Piacenza che dopo la vittoria di Cremona riesce a confermarsi da tre punti contro l'Olbia al termine di un match condotta per larghi tratti dai biancorossi contro un formazione sarda comunque mai doma e capaca di sfiorare il pareggio ad inzio secondo tempo

Seconda vittoria consecutiva per il Piacenza che dopo la vittoria di Cremona riesce a confermarsi da tre punti contro l'Olbia al termine di un match condotta per larghi tratti dai biancorossi contro un formazione sarda comunque mai doma e capaca di sfiorare il pareggio ad inzio secondo tempo. Sono le reti di Matteassi e Razzitti a consegnare la vittoria ai padroni di casa rimontati solo in parte dalla marcatura finale di Auriemma. Franzini e Mignani confermano in avvio gli stessi undici vittoriosi della passata domenica (gli ospiti sono reduci dalla prestigiosa affermazione sul Livorno); dunque Cazzamalli per Saber a centrocampo, Matteassi per Titone in avanti e Sciacca per Di Cecco in difesa; i bianchi invece hanno Cossu dietro Kouko-Capello e Pinna per Pisano sulla linea di difesa.

Il Piacenza dimostra sin da subito di non portarsi le scorie del derby partendo con il classico ritmo di gioco molto incalzante: i frutti si palesano con il cross dalla destra di Sciacca mal parato da Montaperto sul quale si avventa Matteassi per il più classico dei tap-in. Il vantaggio piacentino ha il merito di svegliare l'Olbia che si riversa nella metà campo avversaria concentrando le sue azioni su Cossu, Kouko e Muroni ed alla regia dei piedi buoni di Geroni: gol annullato per fuorigioco a Kouko e parata decisiva di Miori su tiro dalla destra di Cossu, sono questi i pericoli maggiori di una prima frazione che vede il Piacenza in vantaggio ma l'Olbia recriminare per un approccio forse troppo timido della contesa. La ripresa vede ancora gli isolani protagonisti nel fare il match: al nono doppio brivido per il palo di Capello e la successiva parata di Miori, sarà l'ultimo vero sussulto del pomeriggio in quanto poco dopo è Franchi ad incunearsi tra le linee e liberare Razzitti per il due a zero parziale. Rete che taglia le gambe agli ospiti e fa respirare il Piacenza verso la seconda affermazione stagionale al Garilli: la segnatura nel finale di Auriemma serve solo per i taccuini; oggi il Piacenza, pur stanco, ha saputo gestire bene le forze capitalizzando al meglio le occasioni avute, l'Olbia invece ha mostrato un buon calcio ma troppo lezioso e spuntato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Il divieto di spostamento tra comuni non piace a nessuno: «Così non potranno vedersi genitori e figli»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento