Volley, l'Italia di Chiara Scarabelli Campione del mondo in Perù

In Perù la nazionale italiana juniores ha vinto il Campionato del Mondo per la prima volta nella storia, superando in finale la formazione brasiliana che era imbattuta da ben 54 incontri e dal 2008 non conosceva sconfitta

La nazionale, Scarabelli seconda da destra

Stanotte in Perù la nazionale italiana juniores ha vinto il Campionato del Mondo per la prima volta nella storia, superando in finale la formazione brasiliana che era imbattuta da ben 54 incontri e dal 2008 non conosceva sconfitta.Purtroppo un mallanno fisico ha impedito a Chiara Scarabelli, capitano della squadra italiana, di scendere in campo nella finalissima, dopo essere stata fra le protagoniste delle prime partite fra cui quelle ad altissima tensione del girone eliminatorio: l'Italia infatti ha iniziato i Campionati dovendo affrontare un girone estremamente arduo, con avversarie come Brasile, Cuba, e Serbia. 

Dopo aver raggiunto una qualificazione che non era per nulla scontata, nel girone successivo ha superato le padrone di casa del Perù, di fronte a cinquemila tifosi avversari, e successivamente ha sconfitto gli USA e la Repubblica Dominicana, arrivando così alla semifinale con la Cina superandola per 3-0 guadagnadosi così la finalissima col Brasile. “Quella di oggi è stata una gara straordinaria, - ha dichiarato l'allenatore Marco Mencarelli - questo gruppo è stato più forte di tutto, ha dimostrato che con il lavoro, l’organizzazione, il sacrificio si può arrivare in alto, in Europa e nel mondo.Il nostro percorso è stato lungo e difficile, tutte avversarie di primissimo livello, ma siamo riusciti  a fare ciò che ci eravamo prefissati. Non posso che essere soddisfatto”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LA SQUADRA UNITA INTORNO A CHIARA - "Chiara è il nostro capitano e abbiamo bisogno di lei”, aveva dichiarato Caterina Bosetti prima della semifinale con la Cina sperando che Scarabelli si potesse riprendere dopo essere stata costretta allo stop. Chiara non ha recuperato in tempo, ma le compagne l'hanno voluta vicina in campo tatuandone il soprannome, "Diablo", sulle braccia.  A questo tributo di solidarietà e affetto ha dato largo spazio anche la televisione peruviana, con frequenti primi piani sulle braccia delle compagne di Chiara per inquadrare i tatuaggi con la scritta "Diablo". “Essere il capitano di questa squadra mi riempie d’orgoglio, in questi anni ho capito l’importanza di essere un gruppo affiatato e noi lo siamo, siamo state più forti di tutto. Mi hanno fatto commuovere", ha commentato Chiara Scarabelli, dopo aver definito questi mondiali "la più straordinaria esperienza che potessi vivere con tutta la mia squadra".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Ha una relazione con l'allieva, lei lo perseguita e lui la denuncia per stalking

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento