menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nordmeccanica, 5 anni ai vertici. Rivincita a Bergamo per il sogno scudetto

Dopo un terribile quarto di finale la Nordmeccanica si prepara per l’attacco alla Foppapedretti Bergamo, probabilmente la formazione più in forma del campionato e capace di eliminare in soli due incontri le campionesse d’Europa della Pomì Casalmaggiore

Dopo un terribile quarto di finale la Nordmeccanica si prepara per l’attacco alla Foppapedretti Bergamo, probabilmente la formazione più in forma del campionato e capace di eliminare in soli due incontri le campionesse d’Europa della Pomì Casalmaggiore. Riavvolgendo il nastro dell’interminabile sfida con Scandicci, tre partite dall’alto contenuto agonistico con un coefficiente di difficoltà per le piacentine ben oltre quello che era lecito pronosticare, possiamo evidenziare una netta crescita della bianco-blu passate nel giro di quattro giorni da una deficitaria gara1 ad un successo più netto in gara2. Nel mezzo un tie-break nel quale Piacenza ha seriamente rischiato di chiudere mestamente ed anzi tempo una stagione che invece propone una interessante sfida con Bergamo, rivincita della Coppa Italia, con il fattore campo a proprio favore. La Nordmeccanica e’ cresciuta innanzitutto da punto di vista mentale, togliendosi le paure e le tensioni di gara2 e la scarsa combattività di gara 1, migliorando chiaramente l’efficienza offensiva con Sorokaite e Meijners tornate lentamente ai loro standard abituali, contributo determinante al doppio successo interno con la Savino del Bene anche dalla centrali Bauer e Belien con soprattutto al prima autentica trascinatrice nel 3-2 di venerdì scorso. Con l’accesso tra le prime quattro, Piacenza di conferma per il quinto anno consecutivo ai vertici del campionato italiano, unica formazione ad accedere sempre almeno alla semifinali davanti  a Conegliano (4) e Novara, Bergamo e Busto (3), conferma ulteriore del lavoro ad alto livello della società di Cerciello. Passata il grande timore di archiviare l’annata in maniera deficitaria, le ragazze di Gaspari possono ora cullare il sogno delle finale scudetto; prima però c’e’ l’ostacolo di Bergamo, formazione ricostruita in estate dopo il rischio di non iscrizione ed autrice di una seconda parte di stagione da assoluta protagonista: prima la sorprendente vittoria della coccarda tricolore con successi di valore con Casalmaggiore e proprio Piacenza, successivamente il doppio netto successo nei quarti di play-off sempre sulla casalasche, reduci e forse svuotate dall’impresa in Champions, ma comuque sempre campionesse d’Italia e d’Europa in carica. La Nordmeccanica dovrà sfruttare l’onda emotiva dello scampato pericolo con Scandicci confermando la crescita delle attaccanti di palla alta; l’esito della semifinale molto dipenderà dal rendimento di Sorokaite e Meijners, in chiara difficoltà nel primo match in Toscana ma in ripresa negli incontri vittoriosi al PalaBanca; occhi puntati sull’olandese, la quale dopo l’infortunio contro Kazan ha faticato ha riprendere confidenza con il campo, se la miglior attaccante piacentina tornerà ad esprimersi ed a mantenere livelli alti di continuità in attacco, allora Piacenza potrà concretamente aspirare alla terza finale scudetto della sua storia, sfruttando anche l’indubbio vantaggio del fattore campo nelle sfide decisive. La finale di Coppa Italia ci ha evidenziato una Bergamo in stato di grazie sia mentale che fisico, la squadra di Lavarini ha trovato il giusto mix nel corso della stagione con un sestetto formato da giocatrici esperte come  Lo Bianco e Cardullo e giovani con Plak e Gennari. La Nordmeccanica dovrà pazientare nella fase di cambio palla con l’ottima correlazione muro-difesa della Foppapedretti, cercando al contempo di aggredire dai nove metri le schiacciatrici di posto 4 costringendo la palleggiatrice ad appoggiarsi all’opposto Barun, attaccante da buoni colpi ma che difetta di continuità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid-19: nel Piacentino altri 62 casi e otto decessi

  • Cultura

    Viaggio in anteprima nella sezione Archeologica restaurata del Farnese

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento