menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nordmeccanica: attacco a Scandicci dopo l'exploit di Busto

Sembra ormai alle spalle la crisi passeggera per la Nordmeccanica Piacenza che, dopo tre pesanti sconfitte consecutive costate Coppa Italia, Coppa Campioni e secondo posto in campionato, si riprende con un netto 3-0 in casa di Busto Arsizio

Sembra ormai alle spalle la crisi passeggera per la Nordmeccanica Piacenza che, dopo tre pesanti sconfitte consecutive costate Coppa Italia, Coppa Campioni e secondo posto in campionato, si riprende con un netto 3-0  in casa di Busto Arsizio non sufficiente per la conquista della piazza d’onore ma fondamentale per riprendere confidenza con la vittoria in vista degli imminenti play-off. Al PalaYamamay è stata soprattutto la ricezione di Piacenza a dirigere l’incontro verso una facile vittoria, nonostante l’assenza di Meijners  e la riconferma di Bianchini nell’inedito ruolo di ricevitrice, le bianco blu si sono ben comportate in seconda linea ricevendo con una percentuale al 52% con Marcon super al 71% seguita da Leonardi al 52% e la stessa Bianchini al 47%. La toscana ha forse concesso  qualcosa in attacco e a muro ben compensata però dal rendimento di Sorokaite con 17 punti e 50% in attacco, Belien 11 punti con 3 muri e 62% e Marcon con 10 punti e 63% in attacco. Ancora difficoltà per Bauer la quale, confermata titolare al posto della neo-azzurra Melandri, dimostra ancora un’intesa da affinare con Ognjenovic, attaccando solo 6 dei 18 palloni a lei serviti. Al di là di quest’ultimo aspetto, la crescita della Nordmeccanica è apparsa evidente in attacco nonostante la prolungata assenza della sua miglior marcatrice ed in generale nella tranquillità e fluidità di gioco; di contro Busto Arsizio ha sprecato l’ultima occasione per centrare i play-off: le “farfalle”, bisognose di punti per agguantare l’ottavo posto in classifica, sono parse palesemente deficitarie in difesa e ricezione dove Rousseaux ha sofferto con solo il 17% di positività e non sono riuscite a creare quell’aggressività dai nove metri necessaria per infastidire l’improvvisata seconda linea di difesa piacentina. La palleggiatrice Hagglund si è appoggiata sul secondo tocco all’opposto Lowe (19 punti e 50% in attacco) non trovando risposte confortanti dalle centrali  Pisani (3 punti ed un solo muro) e Fondriest (5 punti e un muro) incapaci di creare una valida alternativa nel gioco di primo tempo. Con questa vittoria dunque le ragazze di Gaspari imboccano il miglior viatico per i prossimi play-off dove affronteranno la temibile Scandicci giunta a sorpresa sesta davanti Bergamo. Le toscane, già sconfitte in due occasioni in regular season, sono formazione temibile a livello offensivo con il posto 2 Nikolova tra le migliori attaccanti del campionato, ma assolutamente alla portate delle bianco blu finalmente uscite dal loro momento nero. Interessante sarà vedere chi uscirà dalla parte del tabellone nello scontro tra le campionesse d’Italia di Casalmaggiore e vincitrici della Supercoppa e la Foppapedretti capace di sorprendere tutti con la conquista della Coppa Italia, un quarto di finale che si preannuncia appassionante e dal quale uscirà la probabile sfidante in semifinale con Piacenza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento