rotate-mobile
Sport

Nuoto: c'è anche la firma di Giacomo Carini sulla vittoria azzurra nell’Energy Cup

Gli azzurrini del nuoto, guidati dal responsabile tecnico Walter Bolognani, si sono aggiudicati il trofeo, con uno score di 1.576 punti, lasciandosi alle spalle la Gran Bretagna, seconda con 1.376 punti, la Germania e la selezione composta da atleti russi ed ucraini

C’è anche la firma del piacentino Giacomo Carini sulla vittoria della squadra giovanile italiana di nuoto all’Energy Standard Cup, importante evento agonistico internazionale giunto quest’anno alla sua quarta edizione e svoltosi nei giorni scorsi a Lignano Sabbiadoro. Gli azzurrini del nuoto, guidati dal responsabile tecnico Walter Bolognani, si sono infatti aggiudicati il trofeo, con uno score di 1.576 punti, lasciandosi alle spalle la Gran Bretagna, seconda con 1.376 punti, la Germania e la selezione composta da atleti russi ed ucraini.

Giacomo Carini, atleta della Vittorino da Feltre allenato dallo staff tecnico composto da Gianni Ponzanibbio, Emanuele Merisi, Gianluca Parenzan e Andrea Frovi, era stato convocato in azzurro da Bolognani sulla base degli ottimi risultati conquistati finora nel corso della stagione agonistica con i colori biancorossi, stagione recentemente impreziosita da una medaglia di bronzo conquistata ai Campionati Italiani assoluti. Carini, promosso al ruolo di capitano e di portabandiera della rappresentativa italiana, non ha tradito le attese e nelle sei gare disputate con i colori azzurri all’Energy Standard Cup - 4 Nazioni che ha visto in acqua oltre centoquaranta atleti dai 13 ai 18 anni - ha infatti conquistato una medaglia d’oro e quattro d’argento.

Primo posto, e medaglia d’oro al collo, nella gara dei 200 farfalla categoria tra i 16 e i 18 anni, prova letteralmente dominata dal nuotatore della Vittorino che ha chiuso con l’ottimo crono di 2’00”,13. All’oro conquistato nei 200 farfalla, Carini ha poi aggiunto anche quattro argenti: quello vinto nei 100 farfalla (54”,43 il suo tempo), quello nei 400 misti (4’29”,69 il suo crono) quello nella staffetta 4 x 100 misti con i compagni della squadra azzurra Glessi, Bldisserri e Frigo, e quello della 4 x 100 stile libero in staffetta con i compagni azzurri Frigo, Proietti Colonna e Izzo con il nuotatore piacentino autore di una velocissima frazione chiusa in 51”,52. Per Carni, tra i plurimedagliati della squadra azzurra, anche un buon settimo posto finale nei 50 farfalla (25”,56 il suo tempo).

«E’ stata un’esperienza davvero entusiasmante - commenta Carini - che ci ha permesso di vivere una gara internazionale di altissimo livello ma anche di consegnare all’Italia un trofeo ambizioso. Sono onorato di aver fatto parte di questa squadra ma anche di esserne stato il capitano e il portabandiera; mi auguro di aver dato un contributo agonistico all’altezza della situazione».

?Carini bandiera-2

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuoto: c'è anche la firma di Giacomo Carini sulla vittoria azzurra nell’Energy Cup

IlPiacenza è in caricamento