Il derby è biancorosso. Decide Sall nella porta sbagliata

E' l'autorete del senegalese Sall a decidere il derby di Piacenza. Un match equilibrato, a tratti ruvido, ma pieno di occasioni da rete che premia la maggior qualità offensiva dei biancorossi, sicuramente meglio organizzati in avanti a discapito dei rossoneri, maggiormente coperti e votati alle ripartenze

Fonte immagine ProPiacenza Facebook

E' l'autorete del senegalese Sall a decidere il derby di Piacenza. Un match equilibrato, a tratti ruvido, ma pieno di occasioni da rete che premia la maggior qualità offensiva dei biancorossi, sicuramente meglio organizzati in avanti a discapito dei rossoneri, maggiormente coperti e votati alle ripartenze. Frazini in avvio sorprende facendo debuttare Castellana sull'out di destra mentre Titone viene preferito a Matteassi come tornante; Pea invece ripropone Gomis in mediana per Pugliese e Calandra per Bini in difesa. Primo tempo caratterizzato dalla superiorità territoriale degli "ospiti" capaci di creare spinta e gioco sulle fasce offensive con Titone e Franchi: sono due i legni colpiti dal Piacenza con Tauogourdeu con una splendida palla curvilinea al 17° e Franchi nel finale che da pochi passi colpisce il pallo raccogliendo un bel cross di Barba, sempre Franchi al 32° si vede annullare la rete d testa per presunto fuorigioco da un cross di Titone; nel mezzo anche il Pro Piacenza cerca di farsi vedere agendo prevalentemente di rimessa con lunghe gittate per Pesenti o cercando di innescare Musetti tra le linee. Le fasce rossonere sono bloccate con Cardin, Calandra e Sane impegnati a guardare a vista rispettivamente Agostinone, Franchi e Titone. Al 29° la clamorosa occasione per la squadra di Pea con cross filtrante dalla sinistra raccolto da Cardin sul quale Cazzamalli si sostituisce a Pelizzoli mentre pochi minuti prima la splendita punzione di Aspas viene respinta dallo stesso estremo difensore . Alla mezz'ora l'episodio che segna parte dell'incontro con la doppia espulsione di Sane e Titone autori  di una reciproca reazione a centrocampo dopo un fallo del senegalese sull'ala siciliana; le squadre sono costrette a ridisegnarsi con il Pro che passa al 4-3-2 con Cardin e Calandra esterni di difesa ed il Piacenza che inizialmente di registra con un 4-4-1 con Franchi sulla linea dei centrocampisti a destra, per poi passare al 4-3-2 . Con maggiori spazi a disposizione sembra inizialmente la squadra rossonera a beneficiare del doppio rosso, nella ripresa infatti sull'out di destra Cardin, Rossini e Pesenti paiono un superiorità e confezionano un paio di occasioni da rete come la più clamorosa al 55° quando Pelizzoli è miracoloso sul colpo di testa ravvicinato di Rossini; passato il pericolo il Piacenza prende il coraggio sopratutto con le incursioni mancine di Agostinone: proprio da un cross del foggiano Salla sbaglia porta consegnano la rete-vittoria al Piacenza, e' il 74° e nonostante gli ingressi di Pugliese, Marra e Ferrara per un più offensivo 4-3-2 il Pro Piacenza non riuscirà più a creare pericoli alla porta biancorossa. La stracittadina è del Piacenza che corre verso i play-off, il Pro rivede invece l'incubo della zona retrocessione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento