Piacenza, quando l'abbonamento perde i pezzi...anzi le partite

E' il caso della tessera annuale del Piacenza Calcio che, probabilmente per colpa di una mancata o tardiva comunicazione da parte della società, si è scoperta essere "zoppa" di due match

Quando l’abbonamento perde i pezzi, anzi le partite. E’ il caso della tessera annuale del Piacenza Calcio che, probabilmente per colpa di una mancata o tardiva comunicazione da parte della società, si e’ scoperta essere “zoppa” di due match. E’ da ieri che, con sorpresa, i tifosi biancorossi hanno riscoperto la reintroduzione della  “giornata biancorossa”, in voga negli anni ’90 con al gestione Garilli, nella quale venivano per un turno annullati tutti gli ingressi di favore e le riduzioni ma ( a memoria ) non si ricordano casi in cui gli abbonamenti annuali prevedevano pagamenti parziali di partite. Ora, la società ha puntualmente ricordato come all’atto della partenza della campagna di tesseramento fosse ancora incerto il  numero di squadre partecipanti alla Lega Pro, per cui per garantire una partenza della campagna nel mese di Luglio, e’ stato necessario programmare una tessera a 17 turni, aggiungendo due giornate biancorosse (Viterbese e Lucchese) con prezzi di favore devolvendo l’incasso per beneficienza. Fin qui tutto logico e meritevole,quel che però ha sollevato perplessità e proteste tra i tifosi riguarda soprattutto la totale assenza di comunicazione del fatto in sede di lancio della campagna (sulla locandina non vi è infatti minima menzione né del numero d’ingressi né tantomeno della giornata biancorossa) e la tardiva informativa a campionato già ampiamente iniziato ed a campagna abbonamenti praticamente chiusa. Quel che pare infastidire non sembra esser certo essere la contenuta somma richiesta per i biglietti aggiuntivi (si parla di 3 euro a partita) ma l’impatto logistico che impone la sottoscrizione del tagliando d’ingresso che comporta, come già sperimentato in Coppa Italia contro il Pro Piacenza ed all’esordio in campionato contro la Lupa Roma, code e ritardi ai botteghini. Si potrebbe contestare alla società come altre squadre di Lega Pro abbiano comunque concesso l’ingresso integrale per l’intero campionato, in alternativa si poteva ritardare l’inizio del tesseramento una volta avuta la conferma ufficiale dei gironi a 20 (peraltro ampiamente annunciata per tutta l’estate dal Presidente Gravina) ai primi di agosto,considerando anche il fatto che la maggior parte delle tessere è stata acquistata negli ultimi giorni (nell’ultimo anno di Lega Pro l’intera campagna abbonamenti fu effettuata nei tre giorni antecedenti l’inizio del campionato con 1500 tessere vendute). C’era dunque tutto il tempo ed il modo per gestire la situazione evitando di sottoporsi a critiche e dubbi da parte della tifoseria con la sensazione che in società ci sia quasi “scordati” di comunicare la mancanza di due partite nella tessera annuale, cercando poi di porre rimedio devolvendo l’incasso all’Hospice; lo stesso Presidente Gatti in un recente intervento,ha parlato di costo singolo di circa 6 euro a partita, considerando evidentemente l’importo dell’abbonamento ai disinti (120 euro), spalmato su 19 gare. Chiarito comunque l’equivoco è auspicabile per il futuro, una più immediata e tempestiva informazione ai tifosi, al fine di evitare di prestare il fianco ad inutile e fastidiose piccole polemiche.

IL COMUNICATO DEL PIACENZA CALCIO

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La società Piacenza Calcio, avendo compreso il disappunto dei propri tifosi e ribadendo che la problematica sorta non è ad essa imputabile per ragioni temporali e fiscali dell'abbonamento, vedi anche altre squadre importanti come Alessandria per citarne una che hanno un abbonamento comprensivo di 17 partite, di concerto con i Presidenti comunica che nelle giornate biancorosse i possessori di abbonamento avranno accesso gratuito allo stadio Garilli, comprendendo perciò tali partite nell'abbonamento acquistato.  La società contribuirà comunque alla donazione a Casa di Iris e potranno farlo anche i tifosi con proprie liberalità nelle postazioni che saranno abilitate. Si esorta a ritirare il proprio accredito nei giorni di prevendita. In allegato indichiamo tutte le modalità per il ritiro dello stesso".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento