Pro Piacenza bloccato sullo zero a zero dai milanesi del Renate

Fonte immagine www.propiacenza.it

Fallisce ancora l'appuntamento con la vittoria interna il Pro Piacenza bloccato sullo zero a zero dai milanesi del Renate, era un incontro che i rossoneri dovevano e potevano vincere alla luce del doppio successo esterno che aveva proiettato i padroni di casa ai limite della zona salvezza, invece il "mal di Garilli" che accompagna il Pro da inizio campionato (una sola vittoria interna contro le sei esterne) continua ad attanagliare i ragazzi di Viali incapaci di concretizzare tra le mura amiche quanto di buono fatto in trasferta. 

Stavolta non si può nemmeno recriminare contro la sfortuna in quanto le pantere nerazzurre ospiti sono state superiori tatticamente rispetto ai rossoneri: netta la superiorità a centromcampo dove il 3-5-2 di Colella ha sistematicamente superato in mediana il trio Carrus-Maietti-Gomis incapaci di arginare la maggior determinazione del Renate, in netta prevalenza sulla fasce dove Iovine, Anghileri e sopratutto Ntow hanno imperversato trovando in Ruffini, Calandra e Cardin avversari in costante l'imbarazzo. Solo i clamorosi svarioni sotto porta di Ekuban , peraltro molto bravo insieme al compagno di reparto Napoli a costruirsi in velocità importanti occasioni da rete, non hanno permesso alla formazione ospite di trovare un vantaggio meritato per la mole di lavoro creata; in ben due occasioni i miracoli dell'esordiente baby Bertozzi hanno ipnotizzato il "colored" brianzolo lanciato a rete da due colossali errore di dismpegno dei piacentini. 

Il Pro ha faticato in personalità in mezzo al campo dove sia Gomis che Maietti non sono riusciti a creare quella quantità di sovrapposizione di inserimenti al fine di supportare e rendere meno a sè stante il tridente Barba-Rantier-Speziale, cosi come è totalmente mancata la spinta sulle corsie esterne ben presidiata dalla maggiore dinamicità e profondità delle ali di Colella. Nemmeno l'ingresso di Alessandro ha contribuito a dare maggiore incisività ad una manovra troppo lenta ed estemporanea nella quale ha pesato una insufficiente combattività e reattività nel recupero palla. Da salvare nella giornata il prezioso punto che permette ai rossoneri di agganciare il Lumezzane fuori della zona play-out, i giochi sono tuttavia sempre più aperti in considerazione della vittoria del Cuneo sul Salo', che ha rimesso in gioco i piemontesi per la salvezza diretta. La sensazione che molto si giocherà negli scontri diretti esterni di Mantova e , in particolare, di Lumezzane in una classifica che vede cinque squadre raccolte in tre punti lottare per tre posti salvezza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento