menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Pro Piacenza: è il giorno del giudizio

Saranno i celesti dell'Albinoleffe l'ultimo ostacolo verso al seconda consecutiva salvezza tra i professionisti e la terza riconferma in Lega Pro

E' il giorno del giudizio per il Pro Piacenza. Dopo 9 mesi di campionato e 35 partite giocate i rossoneri si giocano tutto in novanta minuti. Saranno i celesti dell’Albinoleffe l’ultimo ostacolo verso al seconda consecutiva salvezza tra i professionisti e la terza riconferma in Lega Pro. I rossoneri hanno il duplice vantaggio del fattore campo e dei ben tre risultati a favore per mantener la categoria, basterà infatti la vittoria, il pareggio o la semplice sconfitta di misura per gioire per un traguardo per nulla scontato ad inizio stagione. L’avversario non  è tra quelli insuperabili: i seriani sono già stati sconfitti per ben due volte in stagione e non hanno mai gonfiato la rete rossonera ed a ciò aggiungiamo l’enorme distanza in classifica maturata tra Pro ed Albino. Tutti indizi che portano a pensare come l’impresa rossonera sia ad un passo dal concretizzarsi, troppe le difficoltà realizzative della formazione bergamasca che con Facciolo in panchina sembra aver acuito la crisi di risultati che con la precedente gestione Sesia si era palesata solo in  parte. Tema della partita scontato con i celesti alla disperata ricerca di almeno una rete iniziale che possa creare apprensione alla sin qui attenta retroguardia piacentina; di contro Viali imposterà un match di puro contenimento cercando quelle ripartenze tanto letali in questa stagione appoggiandosi al talento di Rantier ed alla mobilià di Barba, proponendo lo stesso undici di sabato scorso con il match winner Schiavini ancora titolare per Maietti con Speziale e Ruffini di nuovo fuori causa. L’Albinoleffe riproporrà il modulo a due punti ma cercherà la via della rete presumibilmente avanzando la posizione del laterale Ferretti e cambiando uno degli interpreti di punta: troppo deludente nel match di andata la coppia Soncin-Pesenti per non pensare a qualche novità di formazione. Ancora novanta minuti per sapere se il Pro Piacenza giocherà ancora nei “prof” nella prossima stagione o se invece saranno i seriani a sprofondare per la prima volta nella loro storia fuori dal calcio che conta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento