Pro Piacenza: torna l'incubo dei play-out

Torna il baratro dei play-out il Pro Piacenza dopo la soprendente e per molti versi incredibile sconfitta di Mantova

Torna del baratro dei play-out il Pro Piacenza dopo la soprendente e per molti versi incredibile sconfitta di Mantova. Uno stop di misura giunto in maniera immeritata ma che complica incredibilmente la corsa alla salvezza diretta dei rossoneri. Un serie di risultati sorprendenti che hanno stravolto la bassa classifica: il Lumezzane che batte il Pavia, la Giana che vince a Padova e soprattutto la vittoria del Renate sul Bassano hanno messo i ragazzi di Viali con un piede abbondante nei play-out. La battuta d’arresto del “Martelli” ricorda, in senso contratrio, la clamorosa vittoria di Bassano: allora il Pro con il minimo sforzo offensivo e con un match denso di contenuti difensivi portò a casa tre sorprendenti punti-salvezza; in riva al Mincio, al contrario, un ottimo primo tempo con almeno 3 chiare occasiono da rete con Barba e Rantier,  non e’ bastato per sfondare il coperto 5-3-2 che Prina ha costruito per ingabbiare le veloci triangolazioni verticali dei veloci attaccanti di Viali. Alla superiorità del trio di centrocampo piacentino Carrus-Gomis ed Aspas palesata nei primi 45 minuti di gioco, ha fatto da contrasto una seconda parte di sfida a ritmi più blandi con un maggiore equilibrio, spezzato solo dall’ingenuo fallo nei minuti finale che ha permesso la trasformazione del rigore decisivo di Marchi. Con questo vittoria in virgiliani, con 7 punti in 3 partite, si rilanciano in classifica per tentare l’aggancio alla quart’ultima posizione in classifica  del Cuneo ed avere cosi il vantaggio del fattora campo nel turno dei play-out. Per il Pro Piacenza il discorso è più compelsso, già matematicamente in salvo la Giana e quasi tranquillo il Renate (che all’ultima avrà in casa la Pro Patria), la lotta è limitata ormai al Lumezzane che sabato affronterà l’Albinoleffe in trasferta e che all’ultima giornata se la vedrà proprio con i rossoneri in quello che può essere considerato un vero e proprio spareggio. Per i Pro Piacenza sarà vitale vincere in casa contro il Sud Tirol, formazione senza obiettivi di classifica ma capace nell’ultimo turno di inchiodare al pareggio l’Alessandria. Solo facendo i tre punti al Garilli , operazione riuscita una sola volta in stagione, i piacentini potranno continuare a sperare di evitare la pericolosa coda play-out che oggi la vedrebbe comunque impegnata contro l’abbordabile Albinoleffe, formazione reduce da sei sconfitte nelle ultime sette gare e travolto a Bergamo proprio dal Pro con un nettissimo 0-4. Attenzione al Cuneo cha dista solo due lunghezze dal Pro Piacenza e che potrebbe ancora in linea teorica sopravanzarla in classifica grazie a due impegni non impossibili con Renate in casa e Cremonese in trasferta; in caso di chiusura al quart’ultimo posto la squadra di Viali incrocerebbe, sempre con il vantaggio di due risultati utili su tre, il ben più ostico Mantova.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Il divieto di spostamento tra comuni non piace a nessuno: «Così non potranno vedersi genitori e figli»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento