Tre giorni trionfali per l’Atletica Piacenza

A Modena il 28 e 29, tra sole e pioggia, la squadra Cadette si è fatta valere ai Campionati di società di categoria: il bronzo finale consacra l'impegno e le qualità delle atlete biancorosse, che tra vittorie, podi e piazzamenti si sono difese alla grande senza mai subire la concorrenza delle più forti

​A Modena il 28 e 29, tra sole e pioggia, la squadra Cadette si è fatta valere ai Campionati di società di categoria: il bronzo finale consacra l'impegno e le qualità delle atlete biancorosse, che tra vittorie, podi e piazzamenti si sono difese alla grande senza mai subire la concorrenza delle più forti.  L'impresa è stata costruita in particolare dalle vittorie di: Camilla Zucconi, primo posto nei 1200 siepi e terzo nei 1000m, rispettivamente con i tempi di 4'12"12 e 3'13"09; di Sara Bertuzzi, neofita del salto triplo che scavalca la concorrenza a sorpresa e si impone con un balzo da 9,87m; dalla medaglia d'argento di Antonina Milani nel getto del peso, attrezzo scagliato a 10,08m; infine dai bronzi della stessa Antonina Milani nel lancio del disco con 19,39m e di Federica Carlappi nel salto in lungo con 4,59m. Ma al di là delle vittorie e dei podi, la vera forza della compagine biancorossa è stata la coesione: i risultati delle altre atlete, pur se fuori dal podio, sono stati tutti molto simili a livello di piazzamenti e hanno quindi permesso l'incredibile risultato finale. Ma ancora più straordinaria è stata l’impresa delle squadre Ragazzi/e ad Imola il 2 giugno.  Innanzitutto l’Atletica Piacenza è stata l’unica società piacentina ad essersi qualificata alla finale regionale dei Campionati di Società di categoria, per di più con entrambe le squadre.  La formazione femminile biancorossa riporta a Piacenza un titolo che mancava da dieci anni grazie ad una squadra solida e coesa, in grado di combinare vittorie ed exploit individuali a risultati tutti a ridosso del podio. La vittoria finale è stata resa possibile grazie ad una serie di eccellenti risultati: la 4x100 composta da Langella, Ferrari, Magnaschi e Bona si prende l’oro con il record provinciale di 54”81; medaglia d’argento per Deusa Malacalza, che nei 1000m fa segnare il tempo di 3’15”57; Emma Casati, all’esordio nei 2km di marcia, vince il bronzo con l’ottimo tempo di 11’56”46. Gli altri piazzamenti migliori sono la quarta e sesta posizione nei 60m rispettivamente per Vittoria Ferrari e Marta Bona, la quinta piazza per Giorgia Langella nel salto in lungo, i sesti posti di Camilla Cesena nel salto in alto e di Christabell Acheampong nel getto del peso. Sul fronte maschile l’Atletica Piacenza conferma il quinto posto ottenuto nelle qualificazioni. I risultati più importanti vengono da Matteo Lazò, terzo nel getto del peso con 12,06m e quarto nei 60hs con 9”60. I migliori piazzamenti fuori dal podio sono di Lorenzo Cannea nei 2km di marcia e Kirill Visigalli, quarto nel salto in lungo. Il settore giovanile dell’Atletica Piacenza continua a macinare successi su successi, sia individuali sia di squadra, e l’ultimo delle Ragazze porta anche la firma della famiglia Parrello e di Marco Racchini, capaci di plasmare una squadra e di portarla a vincere più volte all’interno di questa stagione. Questo infatti rappresenta soltanto uno dei numerosi risultati già archiviati dalle giovani atlete: sono immense le soddisfazioni per il sodalizio biancorosso, che ha visto la squadra femminile categoria Ragazze sempre al vertice, a partire dalle campestri, passando per le gare su pista indoor e adesso outdoor, ed altrettanto grandi sono le speranze che queste giovani interpreti stanno dando al movimento dell’atletica leggera piacentino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Il divieto di spostamento tra comuni non piace a nessuno: «Così non potranno vedersi genitori e figli»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento