Volley B maschile girone A, Canottieri Ongina di ferro: 3-1 alla Zephyr Trading e seconda vittoria

La squadra di Massimo Botti e Davide Zanichelli capitalizza al meglio il doppio turno casalingo, chiuso con sei punti, e sale al quinto posto. Domenica sfida esterna con il Sant’Anna Tomcar

Nella foto, l’opposto della Canottieri Ongina Maikel Cardona

Rispetto a sette giorni prima, il cammino è stato più tortuoso, ma la meta è rimasta la stessa, quella ambita: i tre punti. La Canottieri Ongina chiude al meglio il doppio turno casalingo in serie B maschile (girone A) piegando 3-1 la Zephyr Trading e dando così continuità al rotondo 3-0 ottenuto in precedenza contro il Nuncas Sfoglia Chieri. Sei punti in due partite a Monticelli: questo il bottino per la formazione di Massimo Botti e Davide Zanichelli, capace di far valere il fattore campo per rilanciare la propria classifica dopo il ko inaugurale a Cuneo. Ora, dopo tre giornate, i gialloneri piacentini si trovano al quinto posto, attesi domenica prossima (6 novembre) dalla trasferta piemontese a San Mauro Torinese contro il Sant’Anna Tomcar.

Contro la Zephyr Trading, non è stata una passeggiata per Giumelli (ex di turno) e compagni, che hanno giocato un match dai due volti: autoritario e di qualità nei parziali agli estremi, più balbettante nella fase centrale. Così, dopo l’ottimo 25-16 di apertura, la formazione del presidente Fausto Colombi è stata agganciata al termine del secondo parziale, perso 17-25. Nell’economia dell’incontro, decisivo il terzo set, dove la Canottieri Ongina ha saputo ruggire nel finale, passando dal -2 (19-21) al 25-21 che ha tagliato le gambe alla compagine spezzina, poi mai in partita nella quarta frazione, chiusa agevolmente 25-16 dai padroni di casa. 

Nel complesso, la Zephyr Trading ha messo in mostra come dote principale la capacità di sbagliare poco, con 16 errori totali contro i 34 gialloneri. Dal canto loro, i monticellesi hanno dimostrato maggiore qualità, anche se non è mancato qualche calo di lucidità. “E’ abbastanza normale in questo punto della stagione – osserva Massimo Botti – essendo una squadra giovane e rinnovata, che deve conoscersi e capire fino a dove può spingersi nella soglia di errore”. Nel complesso, l’attacco è stato superiore a quello spezzino, con Cardona trascinatore con i suoi 29 punti e 60% di positività nel terzo tocco. Bene anche Sandro Caci (15 punti), mentre in generale a dare la stoccata decisiva nel quarto set è stato l’asse battuta-muro (3 ace e 6 block nella quarta frazione). “In quell’occasione – spiega Botti – abbiamo deciso di puntare su un servizio più tattico e mirato, cercando determinate situazioni nella loro ricezione e questo ha pagato”. Alla riga del totale, 12 sono i muri messi a segno dalla Canottieri Ongina nel quarto set, con lo “zampino” dei centrali De Biasi e Bonola (4 e 3 punti nel fondamentale).

Ora il prossimo ostacolo si chiamerà Sant’Anna Tomcar, formazione piemontese già affrontata nella scorsa stagione in B1. “E’ una squadra – conclude Botti – apprezzata, che è partita male e per questo sarà un ostacolo doppiamente insidioso, avendo sicuramente voglia di riscatto, per di più in casa”.

CANOTTIERI ONGINA-ZEPHYR TRADING LA SPEZIA 3-1

(25-16, 17-25, 25-21, 25-16)

CANOTTIERI ONGINA: Giumelli 2, Nasari 8, Bonola 10, Cardona 29, Caci 15, De Biasi 12, Bisci (L), FIlipponi, Bara, Pazzoni. N.e.: Soavi (L), Miranda, Binaghi. All.: Botti-Zanichelli

ZEPHYR TRADING LA SPEZIA: Giannarelli 8, Diouf 5, Grassi 1, Perissinotto 10, De Rosa 5, Nitti 15, Oddo (L), Iacopini. N.e.: Podestà, Boggio, Scatizzi, Benevelli. All.: Marselli

ARBITRI: Bernardelli e Fumagalli

NOTE: Durata set: 22’, 23’, 27’, 22’ per un totale di 1 ora e 34 minuti di gioco

Canottieri Ongina: battute sbagliate 18, ace 7, ricezione positiva 62% (perfetta 38%), attacco 50%, muri 12, errori 34

Zephyr Trading: battute sbagliate 7, ace 5, ricezione positiva 48% (perfetta 21%), attacco 35%, muri 5, errori 16.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

  • Animale sulla strada, si ribalta con l'auto in un campo: ferito

Torna su
IlPiacenza è in caricamento