Volley B maschile, la nuova Canottieri Ongina riparte da un piacentino: Giuseppe De Biasi

Il centrale classe 1992 è il primo tassello della nuova squadra affidata a Massimo Botti; per il giocatore si tratta della quinta stagione in giallonero. "Sarà un'ottima annata per migliorare, ho voglia di lavorare per crescere"

La nuova Canottieri Ongina riparte in campo da un piacentino: Giuseppe De Biasi. La società giallonera, che dopo due anni in B1 maschile si appresta a vivere l'avventura nella nuova serie B unica, ufficializza la prima conferma del roster affidato quest'anno a Massimo Botti, deciso a intraprendere la carriera da coach ricevendo il testimone dalla "bandiera" monticellese Gabriele Bruni.
Classe 1992, De Biasi inizierà la sua quinta stagione consecutiva alla Canottieri Ongina. "Appena - spiega il giocatore piacentino - mi è stato proposto di rimanere non ci ho pensato un secondo; ci aspetta un anno interessante, dove cambierà qualcosa, ma dove l'obiettivo sarà sempre far bene". Per lui, una sensazione particolare sarà quella di essere guidato in panchina da colui che nei mesi scorsi era insieme al centro della rete. "Già da giocatore - prosegue De Biasi - è sempre stata una presenza preziosa, aiutando ognuno di noi e ora sento la sua fiducia anche verso gli elementi più giovani. Inoltre, in questo ruolo può darmi tanto, avendo vissuto una carriera da professionista. Sarà un anno di crescita per me, anche perché sento la fiducia della società e dell'ambiente".
Quella di De Biasi è una storia pallavolistica particolare. Arrivato a Monticelli come banda, ora è diventato un centrale a tutti gli effetti, ruolo ricoperto in primis per necessità e poi portato avanti con profitto nonostante l'altezza (183 centimetri) non sia particolarmente da "gigante". Lavoro, elevazione ed esperienza maturata hanno portato "Beppe" a ricoprire bene il ruolo, al punto di guadagnarsi l'ennesima conferma in maglia giallonera. "Sono un centrale particolarmente atipico - spiega -  ma finché ho la fiducia dell'ambiente non ho problemi: mi sono tolto grandi soddisfazioni. In attacco posso migliorare pur essendo il mio punto forte, mentre a muro sto imparando molte cose e devo sopperire all'altezza crescendo soprattutto nella lettura. Ho voglia di lavorare e di divertirmi almeno come l'anno scorso".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al fisco 5mila euro e lavoratori in nero ma in casa un tesoro da mezzo milione: ristoratori indagati

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Piacenza e l'Emilia-Romagna in zona arancione: quello che c'è da sapere

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

Torna su
IlPiacenza è in caricamento