Volley mercato: Piacenza alla finestra in attesa della manovre di Trento e Modena

In attesa della conferma degli ultimi colpi di mercato rappresentati da Viktor Yosifov e Trevor Clevenot, la Lpr Piacenza rimane alla finestra di un volley mercato che vede grande protagonista la Sir Safety Perugia, mentre ancora da definire cosa faranno due grandi come la Diatec Trento e Modena che stanno vivendo due momenti particolari

In attesa della conferma degli ultimi colpi di mercato rappresentati da Viktor Yosifov e Trevor Clevenot, la Lpr Piacenza rimane alla finestra di un volley mercato che vede grande protagonista la Sir Safety Perugia, mentre ancora da definire cosa faranno due grandi come la Diatec Trento e Modena che stanno vivendo due momenti particolari. I vice campioni d’Europa in carica sono alle prese con le insofferenze di Radostin Stoytchev ansioso di tornare alla vittoria con Trento e desideroso di un roster all’altezza, non dello stesso avviso il presidente Diego Mosna intento a pianificare una stagione dal budget contenuto. Dopo aver perso Kazyski (Giappone) e Djuric (Verona), i dolomitici rischiano di veder partire anche Colaci verso Perugia, non sufficiente, per ora, il solo ritorno dell’opposto Jan Stokr per convincere il tecnico quattro volte campione d’Italia, sulla bontà della nuova Trento. In caso di non conferma è pronto un clamoroso giro di panchine con Lorenzetti in gialloblu ed il bulgaro alla guida della nazionale dopo Rio. Anche i campioni in carica di Modena vivono settimane turbolente con l’annuciato ma traumatico addio dello sponsor Dhl che la lasciato le presidentessa Pedrini senza la necessaria copertura per iscriversi al prossimo campionato: la raccolta fondi popolare e l’appello per nuovi sponsor sembra aver raccolto solo le briciole rispetto ai 3,5 milioni di euro necessari per confermare una rosa che dovrà difendere il titolo tricolore e tentare l’assalto in Europa. Già sotto contratto Orduna, Holt e Le Roux i canarini sembrano addirittura a rischio sopravvivenza anche se pare impensabile che Modena possa gettare la spugna dopo la conquista dello Scudetto, più realistico pensare ad una squadra dalle spese ridotte e meno competitiva rispetto al passato dopo le partenze di Lucas e Bruno. Vera protagonista del mercato e squadra da battere la Sir Safety Perugia; Gino Sirci non ha badato al bilancio per tentare finalmente l’assalto al titolo dopo due finali perse negli ultimi tre anni, con la conferma di Atanasijevic e De Cecco e gli arrivi di Zaystev e Podrascanin la formazione di Slobodan Kovac sembra chiaramente una spanna sopra alle altre con un sestetto molto potente e forte in attacco. Ancora da decifrare la grande delusa dell’ultima stagione, la Lube Civitanova riparte dall’opposto Tsvetan Sokolov (ex Trento) dopo l’epurazione del direttore sportivo Recine e la partenza di Podrascanin,con il dubbio del libero con l’interesse per  Pesaresi (Verona) l’incertezza dell’impiego di Grebrnnikov come schiacciatore. Sulla carta i cucinieri si pongo appena sotto Perugia ed al pari di Modena, anche se le recenti deludenti annate con rose importanti lasciano ancora dubbi sulla consistenza dei ragazzi di Blengini. In questo contesto Piacenza attende di piazzare gli ultimi colpi dopo essersi mossa con largo anticipo per comporre la diagonali palleggiatore-opposto e posto 4, ancora da fissare in particolare il secondo palleggiatore (Coscione ?) ed il vice Hernandez (Tzioumakas da Perugia o Fei in uscita da Civitanova) per una formazione che appare costruita per insidiare le primissime e porsi a livello di Verona per il quarto-quinto posto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Piacenza e l'Emilia-Romagna in zona arancione: quello che c'è da sapere

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

Torna su
IlPiacenza è in caricamento