Volley

Canottieri Ongina, De Pascali carica l'ambiente: "Con Mantova le emozioni arrivano da sole"

I gialloblù, dopo la sorprendente sconfitta di Erbusco, vogliono riprendersi la vetta. Il direttore sportivo del club parla a due giorni dallo scontro al vertice con i lombardi

La sconfitta inaspettata contro la Radici Cazzago è costata la vetta della classifica, ma la Canottieri Ongina guarda già avanti. Sabato 27 novembre alle ore 18 i gialloneri ospiteranno Il Gabbiano Mantova, attuale capolista del girone E con una lunghezza di vantaggio proprio su di loro. La concentrazione nel gruppo è alta e a fare il punto della situazione è il direttore sportivo del club piacentino Donato De Pascali.

Il dirigente analizza in primis ciò che non è andato contro la formazione lombarda: "Se facciamo un focus sulla gara specifica, la quota degli errori commessa (il 42% dei punti complessivi di Cazzago) avrebbe reso improbabile il raggiungimento di un risultato positivo contro qualunque avversario; onore al merito della Radici che ha disputato una signora partita di gran cuore, ma segnatamente sono i nostri demeriti che hanno determinato la sconfitta".

La situazione per quanto concerne l'amalgama è ancora in divenire: "Costruire l’identità comune non è mai semplice e il processo di crescita è tuttora in corso, ben sapendo che gli ingredienti necessari si propongono attraverso l’entusiasmo e non si innescano agendo su un interruttore quando serve. L’obiettivo di accorciare i tempi di questo percorso, che è frutto di un lavoro di fiducia quotidiano sorretto incondizionatamente da ogni parte componente il team, è presente. Non esiste certo metterlo in discussione per un passo falso".

Chiusura d'obbligo sulla partita di sabato: "Conosciamo perfettamente ogni sfumatura tecnica dei nostri prossimi avversari e ovviamente si tratta di un match che spontaneamente offre motivazioni importanti autoalimentate. Più orizzontalmente mi auguro che l’approccio finalizzato a scendere in campo per “battere l’avversario e non semplicemente per giocarci contro” sia sempre identico a prescindere da chi troveremo ogni sabato dall’altra parte della rete. Questo atteggiamento si costruisce settimanalmente lavorando in palestra sullo stesso spartito".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Canottieri Ongina, De Pascali carica l'ambiente: "Con Mantova le emozioni arrivano da sole"
IlPiacenza è in caricamento