Uscito l’ultimo disco della pianista piacentina Cristina Cavalli

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di IlPiacenza

Un percorso guidato dall’idea del ritratto in musica nel XX e XXI secolo quello affrontato dalla pianista italiana nel suo ultimo album Ritratti: omaggi musicali a persone, ricordi, luoghi della memoria. Dalla musica contemporanea italiana passando per le fredde Russia e Repubblica Ceca di Rachmaninov e Janacek per approdare in Argentina con Ginastera e Guastavino, alle suggestioni francesi di Ravel e Poulenc, il fil rouge del programma e la sua resa pianistica e musicale sono stati notati e premiati ai Global Music Awards di Los Angeles (USA) nel 2017, poco dopo l’uscita del disco. “Ritratti è un omaggio alla varietà degli esseri umani, alla vita stessa, che nel suo percorso ci avvicina continuamente a nuovi ritratti tra i quali il più misterioso rimane, in fondo, il nostro stesso volto” commenta la pianista stessa. Cristina Cavalli, piacentina di nascita, vive all’estero da diversi anni. Attualmente risiede a Madrid dove è docente di Pianoforte per il Centro de Alto Rendimiento Musical dell’Università Alfonso X El Sabio, e si divide tra attività concertistica e insegnamento. La professione l’ha portata su prestigiosi palcoscenici in Europa e Asia (ha debuttato nel 2015 a Shanghai Symphony Hall come solista), e dall’Inghilterra alla Cina tiene alto il prestigio musicale italiano con concerti e masterclass in cui incontra studenti provenienti da tutto il mondo. Cristina Cavalli è honorary advisor del International Institute for Music Education di Hong Kong. Le sue performance sono state trasmesse da radio e televisioni in Italia, Spagna, Finlandia, Serbia, Argentina.

Torna su
IlPiacenza è in caricamento