Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Buona Destra si presenta: «Partito liberal democratico alternativo al sovranismo»

Il comitato piacentino si è presentato ufficialmente nella mattinata di sabato 27 febbraio in via XX Settembre, dove è stato allestito un banchetto per raccogliere le prime sottoscrizioni

 

Un partito popolar democratico, un’alternativa al sovranismo. Così “Buona Destra” si presenta alla città di Piacenza: una nuova realtà politica, fondata da Filippo Rossi, che al momento conta circa mille iscritti in Italia, suddivisi in un’ottantina di comitati, a cui va ad aggiungersi anche quello piacentino, primo a nascere in Emilia-Romagna, seguito dalle sezioni di Parma e Bologna. Buona Destra si è presentato ufficialmente alla stampa nella mattinata di sabato 27 febbraio in via XX Settembre, dove è stato anche allestito un banchetto per raccogliere le prime sottoscrizioni. Presenti i fondatori del comitato locale del partito: Giusy Càfari Panìco, Maricarmen Chiesa, Filippo Bobbi, Pietro Dainesi, Pierfrancesco Bionda, Vittorio Tozzini, Marco Panizza e il consigliere comunale di Piacenza Michele Giardino. «La Buona Destra è un partito popolar democratico che si ispira ai valori del partito popolare europeo – spiega Filippo Bobbi, referente del comitato piacentino. «Riteniamo ci sia un elettorato liberale che al momento non si ritiene rappresentato dall’attuale destra, dominata dagli estremisti e dai sovranisti, che parlano più alla “pancia” del paese, alimentandone le paure, piuttosto che cercare soluzione concrete». Le prime sfide da affrontare a Piacenza? «Sicuramente le elezioni comunali, cerchiamo di prepararci per affrontarle al meglio, radunando attorno a noi quelle anime liberali e moderate che potrebbero darci una mano. In questo momento non abbiamo ancora stilato un programma completo su Piacenza, ci dà una mano Michele Giardino, consigliere comunale; a breve affronteremo la questione e torneremo con dei piani più dettagliati». In programma anche un congresso del partito, da svolgersi quando le norme relative alla situazione d'emergenza lo renderanno possibile. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
IlPiacenza è in caricamento