Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I commercianti di Castelvetro contro la chiusura dei confini: «Non spegnete le nostre luci»

Sit-in vicino al ponte che collega a Cremona. Disagi per l'economia: i cremonesi che non possono spostarsi dalla loro Regione rappresentano l'80 per cento del fatturato delle attività di Castelvetro

 

Sit-in di protesta, pacifico, organizzato dagli imprenditori di Castelvetro nei pressi del ponte sul Fiume Po che collega alla vicina Cremona. La città lombarda è in zona rossa mentre il comune della Bassa, essendo in Emilia, è in zona gialla. Tantissimi sono i disagi per le famiglie e per l'economia: i cremonesi che non possono spostarsi dalla loro Regione rappresentano l'80 per cento del fatturato delle attività commerciali di Castelvetro. I commercianti dicono "no alla chiusura dei confini" che porterebbe, come riportato in alcuni cartelli sollevati dagli imprenditori, alla "chiusura delle luci". Si ripresenta dunque lo stesso problema che cittadini e lavoratori del comune della Bassa, così come tutti quelli frontalieri in Italia, avevano già vissuto durante il lockdown. Domenica 8 novembre i commercianti si sono ritrovati insieme al sindaco Luca Quintavalla e ai rappresentanti di Confcommercio Piacenza e Conferescenti Cremona per chiedere "più attenzione da parte dei livelli più alti di Governo per non essere considerati paesi di serie B". "Questo ponte - dicono - è come se fosse crollato. Oggi non è più il momento dei codici Ateco". A presidiare il sit-in c'erano Guardia di Finanza, Polizia di Stato e Locale, carabinieri di Monticelli, impegnati anche nel controllo delle autocertificazioni degli automobilisti che provenienti o diretti a Cremona.

Potrebbe Interessarti

Torna su
IlPiacenza è in caricamento