Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il primo sciopero nella storia di Amazon parte da Castelsangiovanni

Immagini e interviste dalla manifestazione nel magazzino più importante d'Italia per la logistica del colosso americano

 

Per la prima volta nella sua storia, Amazon si trova a dover fare i conti con lo sciopero generale dei suoi dipendenti iscritti ai sindacati confederali. Uno sciopero che cade, non a caso, in un giorno particolare: il Black Friday, evento clou per le vendite del colosso americano che nel Piacentino è presente dal 2011, prima con un magazzino di 25mila metri quadrati e 150 dipendenti a tempo indeterminato e oggi con magazzino da 100mila metri quadrati e 1600 dipendenti a tempo indeterminato più altri 2mila a tempo determinato nei peridi clou come quello natalizio iniziato proprio con il Black Friday di oggi. Parliamo di un evento cruciale che nel 2015 aveva fatto registrare 600mila ordini solo in Italia (e quindi movimentati dal centro di Castelsangiovanni), cresciuti a 1milione e 100mila ordini l'anno successivo. I risultati di quest'anno dovranno considerare la manifestazione di oggi, venerdì 24 novembre 2017. Una manifestazione che, secondo i sindacati, ha raccolto più del 50% di adesioni mentre secondo l'azienda solo il 10% o poco più. 

Nel video, le interviste con i rappresentanti sindacali Luigi Giove e Gianluca Zilocchi, rispettivamente segretario regionale e provinciale della Cgil, con il deputato Giovanni Paglia di Sinistra italiana e con Stefano Iorio, direttore del personale di Amazon Italia che ci ha accolti all'interno del magazzino di Castelsangiovanni tra i lavoratori in attività 

Potrebbe Interessarti

Torna su
IlPiacenza è in caricamento