Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Potere al Popolo” manifesta in piazza Cavalli contro la caccia

 

Ben 114 vittime, 34 civili feriti, 10 civili morti, 60 cacciatori feriti: sono i dati dell’ultima stagione di caccia in Italia. Per questo Potere al Popolo, movimento politico di sinistra che partecipa alle Elezioni Politiche del 4 marzo, ha organizzato una manifesta di protesta e di sensibilizzazione sul tema in piazza Cavalli, nel pomeriggio del 28 febbraio. «Ci siamo interessati di caccia perché vogliamo tutelare e difendere i diritti degli animali – spiega Walter Cordani –, vogliamo combattere i favoritismi, che i cacciatori godono oramai da parecchio tempo, come ad esempio l’obsoleta legge del codice civile, che prevede che un proprietario di un terreno non può impedire l’esercizio della caccia e quindi un cacciatore si può avvicinare fino a cento metri da un’abitazione privata. Un altro episodio da non dimenticare viene dal Veneto, dove è passata una legge dove chi disturba i cacciatori rischia un’ammenda tra i 600 e i 3600 euro, quindi è più pericoloso per chi disturba i cacciatori a chi pratica la caccia».

Potrebbe Interessarti

Torna su
IlPiacenza è in caricamento