rotate-mobile

«Primi per crescita di turisti: possiamo ambire a Capitale della cultura»

Nonostante la pandemia Piacenza si attesta al primo posto, tra i capoluoghi emiliani, in termini di crescita turistica: +43%. Papamarenghi (assessore): «Investire su campagna promozionale per portare sempre più al centro la nostra Piacenza»

Nonostante la pandemia e le restrizioni Piacenza si attesta al primo posto, tra i capoluoghi emiliani, in termini di crescita turistica.

Lo confermano i dati dell’Ufficio statistica della Provincia di Piacenza e lo conferma l’assessore alla Cultura del Comune, Jonathan Papamarenghi, che definisce, quella della nostra città, una «ripartenza coraggiosa che va nella direzione giusta».

Numeri importanti registrati soprattutto nei periodi di alta stagione – primavera, autunno e festività natalizie – tutti segnati da maggiori restrizioni. In questo periodo, nel 2021, Piacenza è cresciuta del 43%, dieci volte tanto della vicina Parma che ha registrato una ripartenza del 4,5%.

Come spiega l’assessore durante l’anno sono state messe in campo oltre 600 visite guidate nei musei di Piacenza e in estate, periodo in cui il turismo non ha mai visto numeri importanti in città, sono stati realizzati più di 100 eventi: il 30% dei 20mila visitatori è arrivato da fuori provincia. Visite che non sono state solo di giornata: la permanenza sul territorio negli alberghi di città e provincia ha segnato un +30% rispetto al 2019, anno pre-pandemia». NEL VIDEO L'INTERVISTA.

Video popolari

«Primi per crescita di turisti: possiamo ambire a Capitale della cultura»

IlPiacenza è in caricamento