Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quando l'autismo non è un limite, nasce il progetto IN-Book

Presentato all'Ausl il primo libro realizzato dalla collaborazione tra ragazzi speciali e gli alunni della Calvino

 

L’associazione La Matita Parlante

L’associazione La Matita Parlante nasce da un sogno di insegnanti, educatori del dipartimento di Salute mentale dell’Azienda Usl di Piacenza e professionisti che lavorano nel settore della cultura a Piacenza. L’obiettivo è quello di favorire la partecipazione sociale di ragazzi con disabilità, in particolare con disturbo dello spettro autistico, sia per la promozione sia per la fruizione della cultura, intesa in tutte le sue molteplici manifestazioni, con riconoscimento del potenziale creativo ed espressivo di ognuno. L’associazione ha le sue radici nella bellissima esperienza di Book Box, il progetto avviato nel 2015 grazie alla collaborazione tra l’Azienda Usl, il Comune di Piacenza, le associazioni e il mondo della scuola.
La Matita Parlante offre un’opportunità a persone con molto talento che difficilmente avrebbero modo di farsi ascoltare. 
L’associazione si impegna nella valorizzazione del talento dei ragazzi autistici nell’ambito della scrittura, del disegno, dell’arte teatrale e cinematografica. 
Per sviluppare l’empowerment dei ragazzi in carico al Programma autismo 0-30 dell’Ausl, si è lavorato sullo sviluppo delle loro competenze professionali e socio-comunicative.

.. nasce il Progetto IN-Book

C’è un aspetto che accomuna la maggior parte dei ragazzi autistici: l’amore e la passione per i libri che, per contenuto, forma, colore, profumo e consistenza, rientrano fra i loro interessi speciali. Per questo, l’associazione ha avviato con entusiasmo un progetto per l’ideazione e creazione di IN-Book. 
È stata costituita una redazione molto speciale. Ognuno ha il suo compito: c’è chi immagina, inventa e scrive le storie. C’è chi poi le illustra con molta fantasia e chi ancora le traduce in simboli. Questo grande lavoro di squadra e di interazione dà vita a splendidi IN-Book.

Gli IN-Book: libri straordinari, realizzati da persone speciali,
che aiutano a diffondere una cultura inclusiva

Gli IN-Book sono libri illustrati, con il testo completamente tradotto in simboli, elementi fondamentali della Comunicazione aumentativa alternativa (CAA), e rappresentano una vera e propria seconda lingua visiva che affianca quella uditiva. 
Il sistema facilita la comprensione dei testi ai bambini con disturbi della comunicazione. Ascoltare la lettura ad alta voce di racconti da parte dell’adulto, condividendo gli aspetti emotivi, affettivi e linguistici che il libro può offrire, consente loro di recuperare un’attività essenziale per la crescita. 
Gli IN–Book sono sempre composti da un’immagine grafica, dalla parola alfabetica scritta in alto, da un sottile bordo che tiene insieme le due. Il bambino riconosce l’immagine, il lettore la parola. Gli IN-Book rappresentano inoltre un fattore di prevenzione e supporto precoce per le situazioni di rischio linguistico e dello sviluppo, per chi presenta problemi di comunicazione e di attenzione, ritardo del linguaggio, scarso interesse per la lettura o difficoltà di comprensione in quanto straniero. Si tratta di libri per tutti i bambini in quanto favoriscono un approccio naturale alla lettura, l’inclusione di tutte le diversità e facilitano le relazioni.
Mamme, maestre, genitori stranieri: gli IN-Book sono per tutti i bambini che amano storie fantastiche, personaggi buffi e un mondo di colori. Sono libri speciale, molto efficaci nel sostenere la comprensione dei testi dei piccoli con disturbi della comunicazione, ma nello stesso tempo possono essere diffusi nelle scuole materne e nelle biblioteche, diventando, grazie alla possibilità di condividere la lettura, strumento importante di inclusione, di sviluppo e crescita per tutti.


La scimmia abbracciona: il primo volume di una collana edita da Papero Editore

La scimmia abbracciona è il primo IN-Book realizzato dalla redazione de La Matita Parlante. Michele e Luca hanno scritto e illustrato con passione ed entusiasmo la storia e Alessandro e Stefano l’hanno tradotta in simboli. Questi ragazzi, insieme a tanti altri, stanno cercando di trovare la loro strada, in particolare nell’ambito della scrittura e dell’illustrazione. Per farlo hanno potenziato le loro attitudini e inclinazioni. Insegnanti, educatori, genitori, appassionati di cultura, tramite l’ associazione hanno fatto squadra per offrire loro un trampolino di lancio nel mondo del lavoro e nella società.
L’ attività comune è il terreno più fertile per conoscersi e superare i pregiudizi.
L’IN-Book prodotto da questa sinergia beneficerà bambini e ragazzi con difficoltà di comunicazione, ma anche bambini che stanno imparando a leggere e nuovi cittadini che vogliono apprendere la lingua italiana. L’Azienda Usl di Piacenza ha fortemente creduto in questo progetto, finanziando la pubblicazione del volume. Anche Papero Editore ha creduto in questo sogno: dalla straordinaria collaborazione con la casa editrice è nata l’idea di realizzare un’intera collana, che sarà realizzata tramite una campagna di crowdfunding. 
Intanto, La scimmia abbracciona sarà nelle librerie dalla fine di settembre. Il debutto ufficiale dell’IN-Book avrà come cornice speciale la fiera dell’editoria Il libro giusto di Piacenza. Il 24 settembre, Michele, Luca, Alessandro e Stefano racconteranno direttamente al pubblico la loro esperienza. 
Per tutte le informazioni è possibile consultare il sito dedicato www.lamatitaparlante.it

La collaborazione con la scuola Calvino

Fin dall’inizio del percorso è nata anche una bella collaborazione con la scuola media Calvino di Piacenza. I testi vengono tradotti in audio libri dagli studenti.
Il coinvolgimento attivo degli alunni che sono in condizioni di fragilità, disagio e disabilità in laboratori coinvolgenti e gratificanti consente di prevenire l’abbandono scolastico con il coinvolgimento degli alunni in situazione di fragilità, disagio e disabilità.
Infine, le storie prendono anche vita grazie al lavoro di giovani attori, che si esibiscono in un’antichissima forma di teatro giapponese, il Kamishibai.
La collaborazione con la scuola Calvino sarà ancora più intensa grazie a un finanziamento del Programma operativo nazionale (Pon) del Ministero dell’Istruzione: i fondi che arriveranno daranno l’opportunità di coinvolgere attori, scrittori e fumettisti che serviranno a valorizzare il progetto e a creare successivi In-Book, fornendo a tutti i ragazzi un supporto per l'ideazione delle storie, la registrazione degli audiolibri e la realizzazione grafica.



In-Book anche nelle biblioteche

Contemporaneamente, associazione e Ausl stanno collaborando da mesi anche con la biblioteca Passerini Landi del Comune di Piacenza. Le storie realizzate dai ragazzi della redazione potranno essere lette e vissute sul territorio nazionale. La biblioteca piacentina è infatti inserita in un circuito italiano dedicato. La scimmia abbracciona e le avventure che seguiranno, daranno vita a una collana di storie sociali che i ragazzi stessi hanno vissuto da protagonisti nelle loro esperienze di vita.

Potrebbe Interessarti

Torna su
IlPiacenza è in caricamento